Se ci seguite da un po' di tempo saprete che io e Roberto siamo sempre alla ricerca di luoghi meno conosciuti da visitare. A volte non serve andare molto lontano. Anche nelle nostre regioni italiane ci sono capoluoghi di provincia più noti e altri meno. 

Attraverso questo post vi vogliamo proporre 10 capoluoghi di provincia meno conosciuti a cui vale la pena dedicare almeno un weekend. Non vi racconteremo tutto della località, ma vi indicheremo alcuni luoghi da non perdere per ciascuna città.


10-città-italiane-meno-considerate


1 ASCOLI PICENO (Marche)


Ascoli Piceno è il capoluogo di provincia più a sud delle Marche. Spesso delle Marche si conoscono altre città più note come Ancona, Pesaro e Urbino, ma vi possiamo confermare che anche Ascoli Piceno ha molto da offrire a livello turistico.

Innanzitutto pensate che il centro storico di Ascoli è il più esteso di tutte le Marche. La sua particolarità sta nel fatto che è stato realizzato quasi completamente in travertino e questa caratteristica rende i suoi edifici particolarmente eleganti e maestosi.

Ascoli Piceno è anche definita 'la città delle cento torri' per la numerosa presenza, in epoca medievale, di numerose torri campanarie e gentilizie. Oggi ne rimangono poche, purtroppo, ma lungo la Via delle Torri potrete ammirarne alcune.

Da non perdere Piazza Arringo su cui si affacciano alcuni tra i principali monumenti della città: il Battistero di S. Giovanni, la Cattedrale di S. Emidio, il Palazzo Vescovile, Palazzo Panichi (sede del Museo Archeologico Statale) e Palazzo dell'Arengo che oggi ospita la Pinacoteca.


Ascoli Piceno PIAZZA ARRINGO
Ascoli Piceno - Piazza Arringo


Poco distante si trova un altro luogo simbolo di Ascoli, Piazza del Popolo, su cui si affaccia il celebre Caffè Meletti, il Palazzo dei Capitani, la Chiesa di S. Francesco e la splendida Loggia dei Mercanti. Vi suggeriamo una sosta al Caffè Meletti per degustare una delle specialità di Ascoli Piceno: l'Anisetta Meletti, un liquore tipico a base di anice.


Ascoli Piceno CAFFE MELETTI
Ascoli Piceno - Caffè Meletti


Non potete lasciare la città senza aver assaggiato un'altra specialità della città: le olive ascolane, una prelibatezza che può essere preparata in varie versioni (carne, pesce, tartufo ecc).

Potete trovare altre idee su cosa visitare ad Ascoli Piceno nei post: "Cosa vedere ad Ascoli Piceno" e "Cosa vedere in provincia di Ascoli Piceno: 10 idee tra borghi ed escursioni in mezzo alla natura".


2 BIELLA (Piemonte)


Lo sapete, io sono originaria di Biella quindi non posso non parlarne. In realtà ne parlo volentieri perchè, anche in questo caso, Biella è uno dei capoluoghi meno noti del Piemonte. Del Piemonte molti hanno visitato le Langhe, il Monferrato, la città di Torino, il Lago Maggiore, ma Biella è davvero poco conosciuta.

Biella e il Biellese sono noti soprattutto per la produzione tessile che purtroppo negli ultimi anni ha subito una profonda crisi. Rimangono, però, i grandi marchi industriali noti a livello mondiale come Ermenegildo Zegna, Lanificio Piacenza, Flli. Cerruti, Angelico e molti altri. 

Biella non è solo lana, però. È una bella città, non di grandi dimensioni, che si trova proprio ai piedi delle Alpi Biellesi per cui, non appena si esce dal centro ci si trova immersi in una natura spettacolare. Gli amanti del trekking, del ciclismo e dello sci possono trovare 'pane per i loro denti'.


OASI ZEGNA SANTUARIO DI SAN BERNARDO
Santuario di San Bernardo - Foto di Oasi Zegna


Negli scorsi mesi ho scritto molto qui sul blog sul Biellese perchè ci sono luoghi incantevoli che vorrei che più persone conoscessero e apprezzassero come il Parco Burcina a Pollone o l'Oasi Zegna, nata dal sogno di Ermenegildo Zegna e dei suoi discendenti.


Panoramica Zegna
Foto di Oasi Zegna


Da non perdere il centro storico di Biella su due livelli: in pianura la parte più moderna dove si trovano i principali monumenti della città come il Battistero romanico e il Duomo, e la parte medievale più elevata, denominata 'il Piazzo' che per me rimane il quartiere più romantico della città.

Avrei molto da raccontarvi su Biella, ma potete trovare tante informazioni leggendo i post: "Cosa vedere a Biella: itinerario a piedi nel suo centro storico", "Cosa vedere nei dintorni di Biella" e "10 motivi per visitare il Biellese in Alto Piemonte".


3 FERMO (Marche)


Come sapete, nel 2002 da Biella io e la mia famiglia ci siamo trasferiti in provincia di Fermo ed è proprio qui che ho conosciuto Roberto. Anche Fermo, come Ascoli Piceno, non è ancora così conosciuta fuori regione eppure anch'essa merita una visita.


FERMO TEATRO DELL'AQUILA
Fermo - Teatro dell' Aquila


Fermo si sviluppa in collina a circa una quindicina di chilometri dal mare. Il suo centro storico, che si sviluppa dal basso verso l'alto, trova il suo culmine nel Piazzale del Girfalco su cui si affaccia il Duomo della città. Da questo punto il panorama che spazia dai Sibillini verso il mare è veramente meraviglioso.

Da non perdere Piazza del Popolo, il salotto della città, su cui si affacciano i principali edifici pubblici della città. A poca distanza meritano senz'altro una visita le Cisterne Romane: un ambiente unico nelle Marche. Si tratta di una serie di ambienti sotterranei, scavati nel I secolo d.C. che servivano per la raccolta dell'acqua e la sua distribuzione in tutta la città di Fermo. Prima di visitarle pensavo fossero piccole, mentre, in realtà si estendono per 2200 metri quadri! Non dovete perdervi la visita guidata all'interno di questi ambienti così particolari!


FERMO PIAZZA DEL POPOLO
Fermo - Piazza del Popolo


Ma sapete che a Fermo, città così vicino al mare, si trova anche l'unico museo in Italia dedicato agli ambienti, ai popoli e alle ricerche polari artiche? Ebbene sì, Palazzo Paccaroni ospita il Museo Polare 'Silvio Zavatti': un luogo davvero affascinante e istruttivo!

Potete trovare altre idee su cosa visitare nel Fermano leggendo i post: "Cosa vedere a Fermo: 5 luoghi che non potete perdervi" e "Cosa visitare in provincia di Fermo: viaggio attraverso 10 borghi meravigliosi".


4 ISERNIA (Molise)


Abbiamo avuto modo di visitare per la prima volta Isernia quando è stata scelta come tappa finale del nostro viaggio a bordo della Transiberiana d'Italia che da Sulmona ci ha condotto, appunto, ad Isernia.


ISERNIA TRANSIBERIANA
Quarto di Santa Chiara


Isernia ha avuto un trascorso difficile: purtroppo il centro storico che oggi i turisti visitano è stato ricostruito più volte poiché distrutto completamente sia dai bombardamenti del 1943 sia dai vari terremoti che hanno colpito la città.

Oggi, comunque, il centro di Isernia è carino: ci sono diverse piazze su cui si affacciano ristorantini, locali e negozietti di artigianato locale. Sembra una città molto tranquilla dove la qualità della vita è ancora molto alta.


ISERNIA CENTRO STORICO
Isernia - Centro storico


Da non perdere, affacciato su Piazza Celestino V, il Museo Civico, la cui sezione principale è dedicata ai bombardamenti americani del settembre '43 sulla città. Attraverso foto, reperti originali e documenti potrete approfondire questo triste momento della storia di Isernia.

Trovate altri suggerimenti leggendo i post: "Cosa vedere ad Isernia: itinerario a piedi attraverso il suo centro storico" e "La Transiberiana d'Italia: il nostro viaggio a bordo della ferrovia storica".


5 LUCCA (Toscana)


Abbiamo avuto modo di visitare Lucca nel dicembre 2009, proprio nei giorni in cui si è verificata l'alluvione. Per fortuna abbiamo potuto, comunque, visitare la città e anche alcune località dei dintorni. Ci piacerebbe un giorno tornarci, però, perchè il maltempo non ci ha fatto godere appieno delle bellezze della città toscana.

In quell'occasione abbiamo avuto il piacere di soggiornare in un b&b molto carino che richiama il mondo del Mediovo. Il b&b 'Corte di Re Artù' è situato in un'antico edificio in pietra e si trova a pochi passi dalle storiche mura di Lucca. Le camere, arredate completamente in stile medievale, hanno nomi come 'Maga Magoo', 'Lady Ginevra', 'Mago Merlino' e 'Lancillotto'. Sembra veramente, entrando, di essere catapultati nelle atmosfere tipiche di quel periodo storico. Ho voluto menzionarlo perchè questo luogo è veramente una chicca. 

Parlando delle mura di Lucca, pensate che hanno una lunghezza di oltre 4 chilometri e sono percorribili sia a piedi che in bici. Dalle mura è possibile godere di meravigliosi scorci sulla città. Lungo le mura ci sono spazi adibiti a piccoli musei, circoli e ristoranti. Davvero un luogo imperdibile!


MURA DI LUCCA
Mura di Lucca


Un altro luogo simbolo di Lucca è Piazza dell'Anfiteatro: una piazza dalla forma ellittica chiusa. Sulla piazza si affacciano ristorantini e numerosi negozi di artigianato e souvenir. 


PIAZZA ANFITEATRO LUCCA
Lucca - Piazza dell'Anfiteatro


Se volete guardare Lucca da un altro punto di vista vi consigliamo di salire sulla Torre del Guinigi, alta circa 44 metri la cui sommità ospita un giardino pensile. Da quell'altezza potrete godere di un panorama fantastico su tutta la città e oltre.

Per organizzare al meglio la vostra visita della città vi consiglio la lettura del post "Cosa vedere a Lucca in un giorno a piedi". 


6 MODENA (Emilia Romagna)


Abbiamo visitato Modena e dintorni in occasione di un nostro anniversario di matrimonio. Sfruttando un cofanetto Smartbox che ci era stato regalato abbiamo soggiornato nel borgo di Solignano per poi spostarci alla scoperta della città di Modena e dei paesi limitrofi.

La città di Modena è molto bella ed elegante e il fatto che in quei giorni faceva bel tempo ci ha fatto apprezzare ancora di più la visita. Ricordo la bella passeggiata che abbiamo fatto lungo i viali del centro città fino ad arrivare ai Giardini Ducali, splendidi nella stagione primaverile.


MODENA GIARDINI DUCALI
Modena - Giardini ducali


Da non perdere in città il Museo delle Figurina, nato dalla volontà di Giuseppe Panini, che racconta la nascita della figurina e il suo utilizzo nel mondo del marketing e del divertimento. Oltre alla collezione permanente, il museo ospita durante l'anno delle mostre temporanee il cui tema può variare. Quando lo abbiamo visitato noi era stata allestita una mostra dedicata alle figure femminili delle figurine Panini.

Nelle vicinanze di Modena un altro luogo che vale la pena visitare è il Museo Ferrari a Maranello: farete la gioia dei vostri fidanzati, figli o mariti. Se non siete amanti dei motori vi consigliamo la visita di altri bei borghi come Vignola, la patria delle ciliegie, o Castelvetro di Modena, la città dell'aceto balsamico.


MUSEO FERRARI MARANELLO
Maranello - Museo Ferrari


Potete avere maggiori dettagli leggendo i post: "Cosa vedere a Modena in un giorno" e "Cosa vedere nei dintorni di Modena".


7 PISTOIA (Toscana)


Abbiamo scoperto Pistoia qualche anno fa in occasione di uno dei nostri itinerari alla ricerca di luoghi meno noti del nostro Paese. È stata una vera scoperta: oltre ad offrire numerosi luoghi di interesse, si trova in una zona della Toscana veramente bella. Si tratta del Montalbano, l'antica riserva di caccia della famiglia Medici, ricca di borghi meravigliosi e di ville nobiliari. Noi abbiamo deciso di dedicare un'intera giornata alla visita della città e i restanti ad alcune località dei dintorni. 


DUOMO DI PISTOIA
Duomo di Pistoia


Da non perdere a Pistoia senz'altro la Fortezza Santa Barbara, ad ingresso gratuito: un monumento imponente e perfettamente conservato che potrete visitare autonomamente. Se avete bambini siamo certi che si divertiranno a scorrazzare su e giù tra scalette, torri e luoghi segreti.

Non potete lasciare Pistoia senza aver visitato il Museo Ospedale del Ceppo e Pistoia Sotterranea: un luogo unico che vi permetterà di approfondire in maniera divertente la storia di questa antica città. La visita guidata di circa un'ora vi piacerà senz'altro perchè le guide sono preparatissime e molto coinvolgenti.

Fate tappa anche nella più antica confetteria della città, la Confetteria Corsini, dove ancora oggi vengono prodotti i confetti in maniera artigianale come si faceva agli inizi del secolo scorso. Assaggiate i numerosi tipi di confetti tra cui i 'birignoccoluti', tipici di Pistoia, e gli 'avvelenati' facendovi raccontare la storia che c'è dietro.

I dintorni di Pistoia sono veramente incantevoli: potete visitare borghi suggestivi come Montecatini Alto e Serravalle Pistoiese o visitare una delle numerose ville medicee come Villa Ambra a Poggio a Caiano o Villa Artimino. Non avrete che l'imbarazzo della scelta.

Se avete tempo spostatevi sulla montagna pistoiese per visitare il Museo S.M.I. con i suoi rifugi antiaerei più estesi d'Europa: la visita guidata vi permetterà di scoprire la storia del paese-fabbrica di Campo Tizzoro e di fare un salto indietro nella storia.


RIFUGI SMI CAMPO TIZZORO
Campo Tizzoro - Rifugi S.M.I.


Abbiamo scritto molti post su Pistoia e dintorni tra cui "Cosa vedere a Pistoia in un giorno", "Cosa fare a Pistoia con i bambini" e "Cosa vedere nei dintorni di Pistoia".


8 PRATO (Toscana)


Anche Prato, come Biella, deve molto della sua fama alla produzione di tessuti. E, come il Biellese, purtroppo negli ultimi anni ha subito la crisi del settore. Ma Prato ha molto altro da offrire, soprattutto a livello turistico.

Il centro storico di Prato, di impostazione medievale, è veramente carino con i suoi splendidi palazzi, alcuni dotati di torri, le numerose botteghe di artigianato locale e negozi di prodotti tipici. Vale una sosta  il Biscottificio Mattei, negozio storico, famoso per i cantucci tipici di Prato.

Da non perdere il Museo del Tessuto che racconta la storia della produzione tessile di Prato, dalla tessitura dei manti per i Papi alle sfilate di moda più recenti.

Uno dei monumenti che ci ha colpito durante la nostra visita è senz'altro il Castello dell'Imperatore, un castello svevo fatto costruire da Federico II in pietra alberese a pianta quadrata e dotato di otto torri. È una costruzione molto particolare da vedere in Toscana e, infatti, si tratta dell'unico castello svevo presente nell'Italia centro-settentrionale.


PRATO CASTELLO SVEVO
Prato - Castello Svevo


Prato è anche una delle capitali dell'arte contemporanea. Disseminate in città potrete ammirare molte opere d'arte moderna, ma, se amate il genere, dovete per forza visitare il Museo Arte Contemporanea Luigi Pecci, uno dei poli artistici più completi in Italia.


PRATO ARTE CONTEMPORANEA
Prato - Forma squadrata con taglio


Se volete scoprire qualcosa di più su Prato vi consiglio la lettura di questi post: "Cosa vedere a Prato, il capoluogo toscano meno considerato dai turisti" e "Prato: una Toscana diversa".


9 ROVIGO (Veneto)


Anche Rovigo, come le altre città finora menzionate in questo post, viene spesso trascurata a favore di altri capoluoghi più celebri (in questo caso, del Veneto) eppure merita sicuramente almeno un weekend.

Rovigo si trova nella zona che prende il nome di Polesine proprio dal fiume Po che la attraversa. In realtà il territorio di Rovigo è compreso tra due fiumi, il Po e l'Adige, ed è per questo che uno dei musei di Rovigo che vi consigliamo di visitare è il Museo Grandi Fiumi. Si tratta di un museo multimediale, adatto anche e soprattutto ai bambini, dove si racconta in maniera dinamica la storia di questo territorio così particolare. All'interno del museo il motto è 'Vietato non toccare': i vostri figli saranno contenti!!


ROVIGO MUSEO GRANDI FIUMI
Rovigo - Museo dei Grandi Fiumi


Il centro storico di Rovigo, con i suoi negozi e ristorantini, è molto carino, ma un monumento che dovete assolutamente visitare a pochi passi dal centro è certamente la Rotonda, una chiesa a pianta ottagonale famosa non solo per la sua forma così particolare, ma per le splendide decorazioni interne che ne ricoprono completamente la superficie interna. Veramente da rimanere senza fiato!

Pochi sanno che, a pochi chilometri da Rovigo si trova Bergantino, la capitale italiana della giostra. È qui che vengono progettate e realizzate la maggior parte delle giostre che si trovano nei luna park e nei parchi dei divertimenti d'Italia (e del mondo). Il Museo della Giostra è uno dei musei più belli che abbiamo mai visitato: un museo interattivo che racconta la storia della giostra e dei giostrai dal medioevo ai giorni nostri. Un museo che fa tornare tutti un po' bambini.


BERGANTINO MUSEO DELLA GIOSTRA
Bergantino - Museo della Giostra


Se volete approfondire leggete il post: "Cosa vedere a Rovigo in un weekend".


10 TERNI (Umbria)


Terni è una città che abbiamo visitato parzialmente qualche anno fa, ma che meriterebbe di essere visitata con più calma.

Noi abbiamo soggiornato in un b&b in campagna e da lì ci siamo spostati per visitare i borghi dei dintorni, anche se il tempo non ci ha assistito granché. Una cittadina che merita è sicuramente Narni, celebre per aver ispirato Lewis nell'intitolare la sua serie di libri 'Le cronache di Narnia'. Il centro storico di Narni è ben tenuto e molto elegante, ma vale la pena anche visitare la Narni Sotterranea scoperta negli anni '70 del secolo scorso.


NARNI ROCCA ALBORNOZ
Narni - Rocca Albornoz


Durante un blogtour ho avuto la possibilità di visitare un'altra località in provincia di Terni: Monteleone d'Orvieto. Vi consiglio un weekend in queste zone per i paesaggi molto simili a quelli toscani e per la numerosa presenza di aziende vinicole e agricole. 


MONTELEONE D'ORVIETO
Panorama da Monteleone d'Orvieto


Vi lascio alcuni post dove potete trovare altri spunti: "5 cose da fare a Monteleone d'Orvieto", "Viaggio in Umbria con i bambini" e "Cosa vedere ad Amelia e a Narni".


Queste sono solo alcune delle città da noi visitate negli ultimi anni e che, secondo noi, meritano di essere conosciute maggiormente.

Ce ne sarebbero molte altre e, infatti, qualche tempo fa abbiamo invitato le nostre colleghe blogger a raccontarcele. Sotto la sezione "Vi aspetto da me" troverete moltissimi altri spunti su località bellissime, ma poco conosciute.

E voi cosa ci raccontate? Avete visitato le città di cui vi abbiamo parlato? Quale vi incuriosisce di più?











26 commenti:

  1. Una selezione degna di nota e da tenere senza dubbio in considerazione. Ho avuto l'occasione di visitare solo Modena tra le città da te selezionate, e mi ha incantato. Sono sicura che anche tutte le altre sono imperdibili e regalano emozioni uniche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi sono piaciute moltissimo ed è un peccato che vengano spesso tralasciate a favore di città più famose. Grazie del commento.

      Elimina
  2. Su Ascoli e Fermo sono chiaramente di parte! Il Molise sarà una delle nostre prossime tappe e quindi Isernia, ma altre non le avevo mai prese in considerazione sinceramente, grazie per i suggerimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te. Ti do un consiglio: se riesci ad abbinare la visita di Isernia con un viaggio sulla Transiberiana d'Italia sono certa che trascorrerai un weekend bellissimo!

      Elimina
  3. Spunti davvero interessanti! Mi mancano tutte tranne Modena che è a pochi chilometri da casa mia è confermo che è bellissima, una città a misura d'uomo con un centro storico contenuto molto bello. E confermo anche tutte je bellezze che ci sono attorno.. anche di più! Dell'Emilia posso aggiungere Ferrara, veramente una chicca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione anche Ferrara è molto bella! A me piacerebbe tornare anche a Parma: ci sono stata solo una volta in gita alle superiori, ma mi era piaciuta molto! Grazie

      Elimina
  4. Che bella selezione di città...hai ragione, alcune sono bellissime! Complimenti per le foto

    RispondiElimina
  5. Alcune le ho visitate altre non ancora e ti ringrazio davvero per questo articolo illuminante 😊

    RispondiElimina
  6. Avete ragione anche a me attraggono molto i luoghi meno frequentati, grazie della classifica, di sicuro tutte belle, alcune già conosco :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bello cercare di dare visibilità a questi luoghi molto belli, ma poco conosciuti💪🏻😊

      Elimina
  7. Una piccola selezione di città poco note ma che vale la pena vedere. Ahimè ammetto di non averne visitata neppure :( Mi piacerebbe visitare Ferrara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su, allora su… mettile in lista!! 💪🏻😅❤️

      Elimina
  8. Le città italiane che meritano una visita sono veramente tante, che siano capoluoghi di provincia o no; il problema è il tempo, ce ne vorrebbe tanto per poterle vedere tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh hai proprio ragione!! Poi pensa se si vuole tornare in quelle già viste!! 😱😅

      Elimina
  9. Confesso di averne viste solo un paio ma ora cercherò di recuperare avvalendomi dei tuoi preziosi consigli!

    RispondiElimina
  10. Quanto hai ragione, spesso proprio nelle città meno popolari si nascondono piccoli scrigni di bellezza! Io essendo toscana conosco Lucca e Pistoia, ma a Prato (mi vergongo ad ammettarlo) non sono mai stata! Rimedierò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo amanti di queste chicche! Prato è stata una vera scoperta!!

      Elimina
  11. Conosco molto bene Prato e Pistoia e devo dirti che Pistoia in particolare si sta facendo conoscere anche fuori dalla provincia. Prato invece rimane ancora troppo schiacciata dalla vicinanza di Firenze... Ma anch'essa ha una bella personalità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Con il fatto che è stata Capitale della Cultura Pistoia si è fatta conoscere meglio. Purtroppo Prato è ancora poco considerata a livello turistico ed è un peccato!

      Elimina
  12. Sai che fra tutte le dieci città che hai elencato, conosco solamente Modena (la mia città).
    Prima o poi cercherò di visitare anche le altre, soprattutto quelle della Toscana (una regione che amo), ma per ora preferisco visitare borghi o località immerse nella natura.
    Grazie comunque per questi spunti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo! L'importante, che siano borghi o città d'arte, è dare visibilità a luoghi meno noti! 😉🌷

      Elimina
  13. In questo periodo di aperture/chiusure, abbiamo approfittato dei weekend per andare alla scoperta proprio dei capoluoghi meno conosciuti, almeno della nostra regione e limitrofe. Ci sono città poco considerate che meritano invece una visita. Con i tuoi suggerimenti andrò appena possibile anche a visitare quelli da te citati

    RispondiElimina