Incluso tra i Borghi più belli d'Italia, il Ricetto di Candelo attira ogni anno migliaia di visitatori. Al suo interno sembra di essere catapultati in pieno Medioevo perchè tutto è rimasto cristallizzato come a quel tempo. Oggi vi racconteremo la storia del Ricetto di Candelo e vi daremo anche qualche informazione pratica per visitarlo al meglio.


Ricetto di Candelo mura sera
Foto di Fotostudio G.Ghirardelli


Dove si trova il Ricetto di Candelo


Il Ricetto di Candelo si trova in prossimità del centro storico di Candelo, un paese distante solo 7 km da Biella, in Piemonte. Dalla stazione ferroviaria di Biella, percorrendo la via per Candelo, si raggiunge il paese omonimo in pochi minuti di auto.

Se, invece, provenite dall'Autostrada A4 uscite a Carisio (a 20 km da Candelo) e prendete la SS 230 fino al bivio per Benna-Candelo.

Da Genova percorrendo la A26 potete decidere di uscire a Vercelli e, tramite la SS 230, arrivare a Candelo oppure, uscendo a Santhià imboccare la SS 143 per Biella.



Breve storia del Ricetto di Candelo


Il Ricetto di Candelo venne edificato tra il XIII e il XIV secolo con funzione principalmente difensiva. Durante i conflitti, che spesso scoppiavano anche tra paesi vicini, gli abitanti si ritiravano al suo interno, mentre, in tempo di pace, il ricetto veniva utilizzato come magazzino per le derrate agricole e come cantina comunitaria.

Quello del Ricetto di Candelo è uno degli esempi di ricetto meglio conservati di tutta l'Italia settentrionale. Tra l'altro, nasce come fortificazione a difesa del popolo, e non come fortificazione usata dai signori per opprimerlo.


Ricetto di Candelo torri
Foto di Fotostudio G.Ghirardelli


Pensate che uno studioso ha definito il Ricetto di Candelo "la Pompei medievale del Biellese" perché, in questa cittadella silenziosa, sembrano risuonare ancora gli zoccoli dei contadini, il passo ferrato della ronda, i viavai nelle fresche cantine, i su e giù nei depositi delle derrate. La cosa bella degli ultimi anni, però, è che il Ricetto di Candelo è stato valorizzato maggiormente a livello turistico così, pur conservando il suo aspetto originale, è diventato piacevole luogo di incontro e di svago.


Cosa vedere nel Ricetto di Candelo


Il Ricetto di Candelo ha forma pentagonale e si estende per un'area di circa tredicimila metri quadri. Il borgo è cinto da mura intervallate da torri agli angoli. Una volta entrati nel ricetto attraverso il Torrione d'ingresso ci si trova davanti una piazzetta su cui si affaccia il Palazzo del Principe, edificio a tre piani fatto costruire da Sebastiano Ferrero alla fine del Quattrocento.


Ricetto di Candelo foto aerea
Foto di Fotostudio G.Ghirardelli


Il borgo è suddiviso simmetricamente da cinque strade longitudinali e tre trasversali chiamate rue. Gli edifici, detti cellule, che si affacciano sulle stradine sono circa duecento e praticamente hanno tutti la stessa struttura: due vani sovrapposti senza scala interna. Il piano terra era adibito a cantina, mentre il vano superiore (che si raggiungeva solo dall'esterno con una scala a pioli) serviva come magazzino per cereali e altri prodotti agricoli. 


Ricetto di Candelo rue interne
Foto di Fabrizio Lava


In una di queste casupole è conservato un gigantesco torchio a vite settecentesco, utilizzato probabilmente da tutta la comunità durante la vendemmia. 

All'interno del Ricetto di Candelo è possibile visitare l'Ecomuseo e la Cantina Didattica che hanno lo scopo di illustrare ai visitatori non solo l'antica funzione del ricetto, ma anche le tecniche e gli strumenti della vinificazione. 


Quando e come visitare il Ricetto di Candelo


Il Ricetto di Candelo è visitabile tutto l'anno gratuitamente. Viene richiesto il pagamento di un biglietto di ingresso solo in occasione di alcune manifestazioni. Una buona idea potrebbe essere quella di visitarlo proprio in occasione di due eventi come 'Candelo in fiore' o 'Vinincontro'.

Il Ricetto è visitabile in autonomia, ma, contattando la Pro Loco, è possibile partecipare anche a visite guidate, itinerari turistici e didattici. I volontari della Pro Loco Candelo saranno anche in grado di darvi informazioni in merito a eventi, servizi, ristorazione e ricettività. 

L'ufficio della Pro Loco Candelo è aperto tutti i giorni e si trova proprio all'ingresso del Ricetto accanto alla Torre Porta. Visitando il sito ufficiale potrete avere maggiori informazioni per organizzare la vostra visita a Candelo.

Ringraziamo l'Ufficio Cultura del Comune di Candelo, Fabrizio Lava e Fotostudio G.Ghirardelli per averci concesso l'uso delle foto nel post.


Altri suggerimenti:


10 motivi per visitare il Biellese in Alto Piemonte

Cosa vedere a Biella: itinerario a piedi nel suo centro storico

Cosa vedere nei dintorni di Biella

Visita al MeBo: il Menabrea Botalla Museum

Rosazza: il borgo più misterioso del Biellese





16 commenti:

  1. Ci sono stata in gita alle medie - secoli fa - eppure ricordo ancora benissimo la visita. Anche perché era in autunno e in quella stagine i colori rendono tutto ancora più magico. Da tempo mi riprometto di tornarci anche perché abito in Piemonte ma quella zona della mia regione purtroppo la conosco pochissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede spesso. Io, per esempio, non conosco altre zone del Piemonte come le Langhe o il Monferrato. Speriamo prima o poi di rimediare.

      Elimina
  2. Ma è spettacolare! Mi chiedo come mai io non ne abbia mai sentito parlare, visto che siamo spesso nei territori circostanti. Una vera chicca di viaggio, da tenere assolutamente in considerazione per il nostro prossimo road trip!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti dato un nuovo spunto di viaggio! Poi mi dirai le tue impressioni, eh?

      Elimina
  3. Mi appassionano tantissimo i borghi, ecco perché sicuramente mi segnerò Ricetto di Candelo ! Tra l'altro, è davvero interessante il fatto che sia un borgo strutturato per la difesa del popolo, sarà sicuramente curioso conoscere la sua storia! Grazie per averlo condiviso!

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questo borgo e faccio mea culpa, purtroppo non conosco bene la zona :( Non ho ancora deciso quali mete visitare questa estate, nel frattempo mi appunto il tuo post per organizzare l'eventuale viaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci mancherebbe. Se decidi di visitare questa zona del Piemonte sul blog trovi altri articoli per creare il tuo itinerario. Grazie : )

      Elimina
  5. Un borgo dove si respira davvero un'atmosfera medievale, molto bello ed interessante.
    Peccato che sia così distante da me perché merita sicuramente una visita, grazie per le info!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro, se abiti molto lontano, conviene includerlo magari nell'organizzazione di un weekend lungo😉❤️

      Elimina
  6. Ce l'ho nella lista da tanto tempo e adesso che le regioni diventeranno gialle sarà una delle prime mete che visiterò! Mi piacerebbe anche andarci in autunno, sfruttando il colore splendido del foliage!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea! Magari in autunno abbinalo alla visita del Parco Burcina a Pollone o dell'Oasi Zegna. Trovi tutto sul blog😉🌷🌸🌳

      Elimina
  7. Non conoscevo questo luogo ma è davvero un borgo interessante, sarei davvero curiosa di visitarlo durante il Candelo in fiore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'ottima idea! Consulta prima il loro sito ufficiale per sicurezza😉🥰

      Elimina
  8. Molto interessante questo articolo, fa sempre bene scoprire i gioiellini che abbiamo nel nostro paese! Non conoscevo questo borgo ma non mancherò di visitarlo quando sarò da quelle parti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere un'idea abbinarlo, per esempio, alla visita di Biella o del Parco Burcina a Pollone. Buon giro!!

      Elimina