martedì 14 novembre 2017

Sagra della Castagna a Montemonaco: i Sibillini celebrano l'autunno

Ogni anno, durante l'ultimo week-end di ottobre, Montemonaco organizza la sua famosa Sagra della Castagna. Quest'anno parteciparvi per noi ha avuto un significato più importante del solito in quanto, proprio un anno fa, la festa era stata sospesa a causa del sisma del 30 ottobre. Partecipando alla Sagra della Castagna  abbiamo voluto esprimere la nostra vicinanza  a quelle popolazioni e il desiderio che la loro vita torni alla normalità al più presto. Evindentemente questo è stato un pensiero comune e lo si è capito dal fatto che moltissime persone quest'anno hanno partecipato a questo evento. Ma cos'ha di speciale questa manifestazione?

SAGRA-DELLA-CASTAGNA-MONTEMONACO


Innanzitutto, il paese di Montemonaco è stupendo già di suo. Si trova in provincia di Ascoli Piceno a 988 metri di altitudine s/l/m. La sua principale particolarità è la sua posizione in quanto si trova proprio di fronte alle principali vette della catena dei Sibillini. Con grande facilità riconoscerete il profilo del Monte Vettore, della Sibilla e della Priora. Noi, che amiamo la montagna, restiamo ogni volta incantati davanti a questo splendore.

MONTI-SIBILLINI
PANORAMA SUI MONTI SIBILLINI O MONTI AZZURRI

La posizione così elevata di Montemonaco permette, oltretutto, girandosi e voltando le spalle alle montagne, di arrivare con lo sguardo fino al mare Adriatico. E' un panorama pazzesco! Già solo questo, secondo noi, vale una visita a Montemonaco.

Il paese è circondato, in parte, da antiche mura i cui resti sono visibili maggiormente nella parte alta del paese. Sulla sommità, inoltre, potrete passeggiare all'interno del Belvedere (oggi Parco Montiguarnieri) da cui si gode di una magnifica vista sui Monti Sibillini. E' possibile in quest'area sostare per un pic-nic o far giocare i bimbi nei numerosi giochi (che, tra l'altro, sono stati donati da una sezione veneta della Protezione Civile).

BELVEDERE-MONTEMONACO
BELVEDERE

Il paese è formato, quasi esclusivamente, da abitazioni in pietra ed è bello perdersi tra i suoi vicoletti ammirandone gli scorci. E' indubbio che il terremoto abbia lasciato dei segni su alcune abitazioni ma, sinceramente, vista la sua posizione e la vicinanza al Monte Vettore, pensavamo che il paese fosse danneggiato molto di più. Gli abitanti amano abbellire le lore case e le viuzze del borgo con vasi di fiori, ghirlande e altre decorazioni a tema autunnale ed è un piacere scoprirli passeggiando tra i suoi vicoli. Eccone alcuni esempi, non sono carini?

CENTRO-STORICO-MONTEMONACO

MONTEMONACO

MONTEMONACO
GHIRLANDA-AUTUNNALE

DECORAZIONI-AUTUNNALI-MONTEMONACO

La Sagra della Castagna è frutto del lavoro di  volontari, tra cui molti ragazzi della Pro Loco. Dalla loro allegria e dal loro impegno si percepisce l'amore che provano per il loro paese e per le tradizioni locali. Durante i due giorni della festa vengono organizzati un mercatino di prodotti tipici e stands gastronomici dove assaggiare le prelibatezze della cucina locale. Vengono predisposti, inoltre, esibizioni da parte di gruppi folkloristici e spettacoli musicali che rallegrano i visitatori.

Naturalmente la protagonista assoluta è la castagna che si può apprezzare in forma di caldarroste o di dolci tipici... il tutto accompagnato da fiumi di vin brulè gratis per tutti. Insomma, per quanto riguarda il cibo, non abbiate paura di rimanere a pancia vuota!


BRACIERI-CALDARROSTE-MONTEMONACO
BRACIERI PER CALDARROSTE

STAND-VIN-BRULE-MONTEMONACO
STAND VIN BRULE'

All'interno del borgo potrete anche visitare due musei. Il primo è il Museo di Arte Sacra allestito all'interno della ex Chiesa di San Biagio dove potrete ammirare sculture e opere pittoriche di ispirazione religiosa. Il secondo è il Museo della Sibilla, che ripercorre la storia di questa misteriosa figura che, secondo la leggenda, dimorava all'interno di una grotta sul monte che oggi prende il suo nome.

MONTE-SIBILLA
MONTE SIBILLA

Proprio partendo da Montemonaco potrete imboccare in auto la strada che conduce al Rifugio Sibilla (1540 m s/l/m). Il rifugio in estate è sempre aperto e permette agli escursionisti, e non solo, di potersi. rifocillare o di trovare riparo per la notte. Sempre dal rifugio partono numerose escursioni tra cui sicuramente la più celebre è quella che porta alla Grotta della Sibilla. Oggi la Grotta non esiste più, ma il sentiero in cresta permette di godere di una vista fantastica che spazia dall'Adriatico al Gran Sasso.

PANORAMA-DAL-RIFUGIO-SIBILLA
PANORAMA DAL RIFUGIO SIBILLA

GRAN-SASSO-RIFUGIO-SIBILLA
IL GRAN SASSO VISTO DAL RIFUGIO SIBILLA

Speriamo, attraverso questo post, di essere riusciti a farvi partecipi del nostro amore per questo borgo. Ci auguriamo che presto possiate venire a visitarlo e non solo in occasione della Sagra della Castagna. Questi luoghi, e i loro abitanti, hanno bisogno del nostro sostegno, soprattutto dopo quello che hanno passato. Il turismo è proprio un modo per star loro vicino e per far sì che questi borghi non si svuotino del tutto. 

Se amate l'autunno e la montagna vi consigliamo, inoltre,  di leggere il post che abbiamo dedicato a Montefalcone, famoso per la sagra Sapori d'autunno.


DECORAZIONE-FUNGHI-MONTEMONACO


Potete trovare altri spunti di itinerari in zona cliccando alla voce Marche nelle etichette a lato. Buona lettura e alla prossima!



PER MAGGIORI INFORMAZIONI:

Portale del Turismo-Regione Marche

Blog Ufficiale sul Turismo della Regione Marche



2 commenti:

  1. Adoro l'atmosfera di questo post e il luogo che descrive! Non conoscevo Montemonaco ma sembra un borgo delizioso... e io amo le sagre, specialmente quelle autunnali! Mi salvo questo articolo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu possa venirci di persona magari il prossimo autunno perché merita...E poi Montemonaco è un una posizione stupenda. Grazie x il tuo commento... Mi ha fatto molto piacere😍

      Elimina