Escursionismo


Se Asolo nel corso dei secoli è stato scelto come luogo di riposo e ispirazione da decine di artisti, letterati e nobili ci sarà un motivo. Carducci definì Asolo 'la città dai 100 orizzonti'.  In effetti, già da alcuni chilometri di distanza, si può percepire la sua bellezza, quella di un borgo tranquillo incastonato tra i colli asolani ai piedi delle Prealpi venete. Per noi è stato un piacere visitarlo durante il nostro ultimo soggiorno veneto ed è per questo che oggi vi vogliamo consigliare 10 cose da vedere ad Asolo.


ASOLO


1. LA ROCCA


Posta nella parte più elevata di Asolo, la Rocca domina tutto il borgo con la sua presenza possente e maestosa. Costruita tra il XII e il XIII secolo ebbe soprattutto una funzione difensiva anche se col passar del tempo venne progressivamente abbandonata. E' da qui che si può godere di uno dei panorami più suggestivi di Asolo e dintorni purtroppo, però in questo momento non è visitabile al suo interno per lavori di restauro.

2. CASTELLO DELLA REGINA


Sembra quasi l'inizio di una favola, ma proprio ad Asolo una regina si fermò perché innamorata del luogo e decise di farne il proprio regno. Parliamo di Caterina Cornaro, ex regina di Cipro, che esiliata ad Asolo dal 1489 nel suo castello creò una corte rinascimentale. E' all'interno di questo castello che letterati e musicisti, ospiti della regina Cornaro, composero poesie e opere musicali dedicati ad Asolo.

Il castello di Asolo venne edificato nel X secolo e fu dotato di mura intervallate da torrioni. Oggi delle quattro torri originali ne rimangono tre: la Torre Civica (o campanara), la Torre Reata (utilizzata un tempo come carcere) e la Torre del Carro. Il castello è visitabile e contiene, al suo interno, anche il Teatro Duse. Dall'alto della Torre Civica potrete ammirare un bellissimo panorama sul borgo di Asolo.

3. PIAZZA GARIBALDI




ASOLO-PIAZZA-GARIBALDI


E' il vero cuore di Asolo, la piazza su cui si affacciano i principali monumenti di Asolo, simboli del potere civile o religioso. Al centro della piazza si trova una fontana del XVI secolo sovrastata da un leone, simbolo della Serenissima.


ASOLO-PARTICOLARE-FONTANA-PIAZZA-GARIBALDI


E' qui che si trovano la maggioranza dei ristorantini e dei caffè dove potrete riposarvi durante la vostra visita e osservare gli asolani nelle loro attività quotidiane.

4. IL MUSEO CIVICO




ASOLO-MUSEI-CIVICI


Ospitato nei locali del Palazzo del Vescovado e del Palazzo della Ragione, che si affacciano su Piazza Garibaldi, merita senz'altro una visita perché permette di approfondire la storia di Asolo e dei personaggi celebri che qui trascorsero le loro vacanze o decisero di stabilirsi.

Il Museo Civico è composto da varie aree: la sezione Archeologica, la Pinacoteca, il Tesoro della Cattedrale, l'Archivio Storico e le sezioni dedicate ad Eleonora Duse, Caterina Cornaro e Freya Stark.

5. DUOMO DI ASOLO


Il Duomo di Asolo è il principale edificio religioso della cittadina di Asolo. Sembra che sia stata edificato sui resti di una precedente cattedrale. L'interno si presenta a tre navate con colonne in pietra e custodisce, tra i pezzi più preziosi, due importanti pale di Lorenzo Lotto e di Jacopo da Ponte. Il fonte battesimale presenta lo stemma della Regina Cornaro che lo commissionò durante la sua permanenza ad Asolo.

6. CASA LONGOBARDA




ASOLO-CASA-LONGOBARDA


Si tratta di un edificio particolarissimo che si trova in Via Santa Caterina appartenente all'architetto e scultore Graziolo, vissuto ad Asolo nello stesso periodo in cui risiedette qui la Regina Cornaro (e infatti ne divenne l'architetto personale). Viene chiamata 'longobarda' perché nell'iscrizione che si trova sull'architrave del secondo ordine della facciata l'architetto viene definito 'longobardus'. In realtà Graziolo era lombardo e da qui è nato questo piccolo equivoco.


7. CASA DI ELEONORA DUSE





ASOLO-CASA-ELEONORA-DUSE


Posta lungo Via Canova, si riconosce per l'iscrizione apposta sulla facciata esterna. La Duse qui soggiornò per alcuni periodi per riposarsi dalle fatiche dei suoi continui viaggi. La Duse affittò la casa, ma sua figlia, dopo la morte della madre, decise di acquistarla sapendo l'affetto che legava l'artista ad Asolo.


ASOLO-ISCRIZIONE-CASA-ELEONORA-DUSE


8. VIA BROWNING




ASOLO-VIA-BROWNING


Questa è una delle vie che ci sono piaciute di più di tutto il centro storico di Asolo. E' una via porticata che si diparte da Piazza Garibaldi e che ospita botteghe storiche, osterie e negozi di artigianato locale. Percorrere questa via permette di fare un salto indietro nel tempo nella Asolo medievale.


9. CIMITERO MONUMENTALE DI SANT'ANNA


Sì, è vero, non è che visitare un cimitero sia una cosa molto allegra, ma in questo caso questo luogo merita una visita perché è un pezzo di storia legato ai personaggi celebri che vissero ad Asolo. E' qui infatti che riposano le spoglie di Eleonora Duse, diva di teatro, e di Freya Stark, esploratrice, scrittrice e fotografa. Entrambe trascorsero buona parte della loro vita ad Asolo ed è qui che chiesero di essere sepolte dopo la loro morte.


10. LA LIBRERIA DI CASA VOSTRA O UNA BIBLIOTECA


La decima cosa che vi consigliamo è quella di rileggere alcune opere di autori famosi legati per qualche motivo ad Asolo. Pietro Bembo, per esempio, scrisse 'Gli Asolani' ispirato dal suo soggiorno ad Asolo. In effetti quest'opera è un dialogo sull'amore ambientato ad Asolo nel XV secolo presso la corte di Caterina Cornaro. Carducci definì Asolo 'la città dai 100 orizzonti' per la sua posizione panoramica in cima ad una collina. Browning addirittura coniò il termine 'asolando' (e lo utilizzò come titolo per la sua ultima raccolta di poesie) per indicare quello stato d'animo che ci accompagna quando passeggiamo in mezzo alla natura immersi nei nostri pensieri. Visitare Asolo magari in compagnia di un buon libro potrebbe essere un'ottima idea.


COSA VEDERE NEI DINTORNI DI ASOLO:


Possagno, il paese natale di Antonio Canova

Villa Barbaro a Maser: uno dei capolavori di Palladio

Bassano del Grappa

Marostica fra castelli, scacchi e ciliegie

Cosa vedere sul Monte Grappa: storia, sport e natura

A passeggio sulle mura di Cittadella





8 commenti:

  1. Amo la Duse. E sapevo di questa casa, vendita e poi ricomprata dalla figlia. Interessante cittadina, mi intriga soprattutto per gli edifici storici e per la sua posizione collinare. Carducci d’altronde non sbaglia a chiamarla città fai 100 orizzonti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un bellissimo borgo davvero, dai panorami stupendi e dall'atmosfera rilassata

      Elimina
  2. Non conoscevo questa cittadina ma è una bellissima idea visitarla anche in giornata e visitare tutta la zona circostante. Me la segno

    RispondiElimina
  3. La casa della Duse, la biblioteca e i portici sono in cima alla mia lista. Asolo trovo sia davvero un luogo da visitare, poco conosciuto ma che merita molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è il classico borgo di cui si parla troppo poco fuori regione. Grazie

      Elimina
  4. Ci sono passata un sacco di volte ma non l'ho mai visitato, non pensavo ci fossero così tante cose interessanti da vedere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È incluso tra i Borghi più belli d'Italia e lo merita proprio!! Spero tu possa presto visitarlo!!😉

      Elimina