Visualizzazione post con etichetta Varie. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Varie. Mostra tutti i post

martedì 12 dicembre 2017

Come organizzare un week-end fuori porta

Spesso alcuni nostri amici e conoscenti, guardando le foto dei nostri week-end fuori porta, ci chiedono come ci organizziamo per sapere cosa vedere in una determinata zona. Abbiamo pensato di condividere con voi il metodo che utilizziamo per organizzare i nostri week-end in giro per l'Italia. E' doverosa una premessa: non intendiamo insegnare niente a nessuno. Vogliamo solo condividere cosa troviamo utile fare NOI prima di partire sperando che possiate ricavare dalla nostra esperienza qualche spunto utile.

ZAINO-SCARPONI-CARTINA

  • DECIDIAMO LA META IN BASE AI GIORNI A DISPOSIZIONE

Può sembrare scontato, ma è necessario decidere la meta in base ai giorni di vacanza a disposizione. Fino a poco tempo fa, con la scusa che mio marito fa il camionista, lo sfruttavo e gli facevo fare troppi km. Poveri noi!


CARTINA-ITALIA


Adesso pianifico insieme a lui il viaggio in questa maniera: per un week-end breve rimaniamo in regione...per un week-end lungo ci spostiamo verso le regioni confinanti (nel nostro caso Emilia Romagna, Umbria, Abruzzo e, se abbiamo più tempo a disposizione, Lazio e Toscana).

  • PRENDIAMO COME PUNTO DI RIFERIMENTO UN CAPOLUOGO DI PROVINCIA
Dato che già conosciamo a grandi linee le regioni più vicine a noi, guardando la cartina ci concentriamo su una provincia che conosciamo un po' meno. Per farvi un esempio, per il nostro anniversario a maggio scorso siamo stati in provincia di Modena. Se volete potete leggere i post dedicati alla visita di Modena in un giorno e a cosa vedere nei dintorni di Modena.

  • FACCIAMO UNA RICERCA PER SCOPRIRE COSA VEDERE NEL CAPOLUOGO DI PROVINCIA

PENNA-MAPPA-STRADALE


Tramite internet e attraverso diverse guide cartacee decidiamo cosa vedere nella città principale. Trovo molto utile leggere i racconti di viaggio di altri travel bloggers. La differenza rispetto ad una guida turistica è che il racconto di un travel blogger è un racconto vero, reale, di una persona che veramente è stata in quei posti. Una guida cartacea o un articolo di giornale possono essere sicuramente completi e dettagliati , ma non trasmettono di solito il calore di un vero viaggiatore che ha visto di persona quei luoghi. Certo, anche i travel bloggers possono fare 'i furbetti'. Personalmente quando leggo un post troppo vago o generico ho l'impressione che la persona non sia stata veramente in quel posto. Sono i particolari a fare la differenza.

Stabiliamo, quindi, cosa visitare (musei, monumenti, parchi ecc) appuntandoci i giorni e gli orari di apertura: ci servirà poi per pianificare un programma di visite.

  • DECIDIAMO QUALI BORGHI VISITARE IN PROVINCIA

CIVITA-DI-BAGNOREGIO

Di solito dedichiamo un giorno intero alla città principale della provincia e i giorni restanti ad alcuni borghi in provincia.

Per decidere quali visitare ci affidiamo a due categorie di borghi: i Borghi più belli d'Italia e le Bandiere Arancioni. Queste certificazioni vengono rilasciate a borghi che si distinguono, per esempio, per la cura che dimostrano nell'accoglienza del turista, per la qualità ambientale della zona, per le attrattive turistiche e culturali.

Dopo aver scelto quali borghi visitare, stabiliamo, come per il capoluogo di provincia, cosa vedere in ciascuno di essi.

  • SCEGLIAMO DOVE DORMIRE E DOVE MANGIARE

CAMERA-D-ALBERGO

In base alla provincia che intendiamo visitare, cerchiamo un b&b o un hotel in posizione centrale rispetto ai paesi da visitare per evitare di fare troppi km inutilmente. Cerchiamo anche ristoranti, osterie o pizzerie dove provare prelibatezze tipiche della zona. Preferiamo, infatti, durante il nostro soggiorno, non mangiare la solita pizza o il solito panino, ma assaggiare piatti tipici preparati con ingredienti del posto.

Prima di prenotare il b&b diamo sempre un'occhiata alle recensioni dei clienti su portali turistici come Trip Advisor o Booking. Di solito prenotiamo contattando direttamente la struttura, ma leggere le recensioni pubblicate da altre persone è una cosa che troviamo veramente utile.

PRENOTAZIONE-ONLINE

A proposito di prenotazioni in hotel, sapete che qualche mese fa è stata abolita la Parity Rate? Potete scoprire cos'è e i possibili vantaggi della sua abolizione in un post che abbiamo scritto qualche settimana fa.

  • DIAMO FORMA AD UN PROGRAMMA DI VIAGGIO

PROGRAMMA-DI-VIAGGIO

Buttiamo giù una specie di schema su cosa fare ogni giorno di viaggio. Naturalmente tutto può essere variato in base ad imprevisti, problemi di salute, condizioni atmosferiche o altri intoppi.

Forse tutta questa organizzazione può essere eccessiva per alcuni, ma noi troviamo veramente utile pianificare i nostri week-end in questo modo. Troviamo che in questa maniera risparmiamo tempo e risorse preziose, che possiamo poi impiegare nella visita stessa.

Per chi ama viaggiare, il viaggio comincia molto tempo prima con l'organizzazione. In un certo senso, quando si parte, siamo già a metà viaggio.

CAMPER-MARE-VACANZA

E voi come vi organizzate? Pianificate tutto o vivete alla giornata? Amate organizzare tutto prima o pensate sia un dispendio inutile di energie? Ci farebbe piacere sapere la vostra opinione al riguardo. Se vi fa piacere, lasciateci un commento qua sotto. Grazie!!!









  



martedì 17 ottobre 2017

Abolita la Parity Rate: cosa può significare per noi viaggiatori?

Con il voto finale del Senato del 2 agosto 2017 sul disegno di legge per la concorrenza, la cosiddetta 'Parity Rate' è stata abolita. Sembra una buona notizia, direte. Ma che cos'è la Parity Rate? E cosa può significare per noi viaggiatori la sua abolizione definitiva?



Che cos'è la Parity Rate (o meglio, cos'era)?

Se fate qualche ricerca per vostro conto, vi imbatterete in decine di definizioni molto precise, ma anche molto tecniche. Cercherò di spiegare la cosa in maniera molto semplice. In pratica la Parity Rate impediva agli albergatori di promuovere una tariffa inferiore a quella proposta dai siti di prenotazione on line (Booking, Trivago, Kayak ecc).

In pratica, supponiamo che una camera doppia su un sito di prenotazione on line vi costava 100 euro. Anche telefonando direttamente in hotel, l'albergatore non poteva permettersi di offrirvi la camera ad un prezzo inferiore rispetto a quello indicato sul sito.

E adesso?

Adesso, secondo me, comincerà una 'guerra' tra albergatori e siti di prenotazione. Chiamando direttamente in hotel potrete ottenere un prezzo inferiore. I siti, però, di sicuro non rimarranno con le mani in mano e di certo non accetteranno di perdere così facilmente i loro clienti. Speriamo che alla fine, a spuntarla, siano almeno i viaggiatori.

5 consigli per evitare brutte sorprese 

 

  • SCEGLIETE L'HOTEL UTILIZZANDO UN SITO DI PRENOTAZIONE ON LINE 
Prendetevi il tempo per cercare un albergo che soddisfi le vostre esigenze (vicinanza al centro, colazione inclusa, parcheggio ecc). Usate i vari filtri messi a disposione dal sito e leggete con attenzione le recensioni dei precedenti viaggiatori.

  • PRIMA DI PRENOTARE, PROVATE A CONTATTARE DIRETTAMENTE L'HOTEL
E' probabile che oggi vi venga proposto un prezzo inferiore se prenotate direttamente attraverso il sito dell'hotel.

  • SE DECIDETE DI PRENOTARE ATTRAVERSO UN SITO DI PRENOTAZIONI, LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE CLAUSOLE LEGATE ALL'OFFERTA
Il pagamento del soggiorno è anticipato o pagherete direttamente in hotel?
Il metodo di pagamento comporta delle spese accessorie?
La cancellazione, in caso di disdetta, è gratuita? Fino a quanti giorni prima è possibile cancellare la prenotazione senza dover pagare una penale?
I pasti sono inclusi?
I servizi da voi richiesti sono inclusi nel prezzo o bisogna pagarli a parte?

  • CONTROLLATE LA VALUTA INDICATA SUL SITO
Può sembrare una cosa stupida, ma a volte quando aprite il sito la valuta potrebbe non essere in euro. A noi è successo. Il prezzo della camera era molto basso, ma guardando bene, in piccolo abbiamo visto che la valuta indicata era la sterlina.

  • USATE SITI SICURI
Ricordate che l'indirizzo del sito dev'essere sempre preceduto da "https", con un lucchettino che attesta l'affidabilità dei pagamenti.


Questi sono i nostri consigli, ma siamo certi che a voi ne siano venuti in mente altri.
Perchè non ce li scrivete nei commenti? Siamo curiosi!!