Escursionismo


Siamo appena tornati da una bellissima vacanza che abbiamo trascorso nel Veneto a cavallo delle province di Venezia, Vicenza e Treviso. Come forse saprete, la Riviera del Brenta è famosa per le ville storiche che si affacciano sul suo corso e noi avevamo intenzione, nel nostro itinerario, di includerne alcune. La prima che abbiamo visitato è una delle più celebri per dimensioni e maestosità: Villa Pisani a Stra, in provincia di Venezia. Vi vogliamo raccontare le meraviglie che potrete ammirare all'interno della villa e del suo parco pluripremiato.


VILLA-PISANI-FACCIATA



BREVE STORIA DI VILLA PISANI



Villa Pisani fa parte di quel gruppo numeroso di ville venete che vennero costruite sulla Riviera del Brenta tra '700 e '800 per volere di alcune famiglie di nobili veneziani. Molte di queste ricche famiglie, che avevano la loro dimora principale lungo il Canal Grande a Venezia, possedevano anche vasti appezzamenti di terra in campagna. All'inizio le residenze costruite fuori città erano prevalentemente legate all'attività agricola, ma, col tempo, assunsero un valore soprattutto artistico e ludico. I nobili all'interno delle ville organizzavano eventi, ospitavano artisti, facendo quasi a gara con le famiglie 'vicine'. Ecco perché, anno dopo anno, le ville divennero sempre più sontuose e curate quasi fossero una dimostrazione della ricchezza e del prestigio della famiglia.

La famiglia Pisani iniziò la costruzione di Villa Pisani nel 1721, ma col passare del tempo, passando di famiglia in famiglia, l'edificio principale e il parco vennero modificati e arricchiti secondo il gusto e le necessità dei nuovi proprietari. I Pisani, infatti,  a causa della caduta della Repubblica di Venezia e della passione per il gioco d'azzardo dell'ultimo proprietario, furono costretti a vendere la proprietà a Napoleone I Bonaparte. Napoleone acquistò la villa per Eugène de Beauharnais, figlio della moglie Giuseppina nonché Viceré d'Italia. Dalla famiglia Beauharnais la villa passò poi nella mano degli Asburgo per diventare poi patrimonio statale nel 1868 e successivamente museo nel 1884.


VILLA-PISANI-VASCA


VILLA PISANI: GLI INTERNI



Villa Pisani in origine aveva 114 stanze a ricordo del fatto che Alvise Pisani divenne il 114mo Doge di Venezia. Attualmente le stanze sono 168, di cui visitabili una trentina nel piano nobile. Le stanze sono ammobiliate con pezzi di varie epoche e decorate in maniera diversa a seconda dello stile che andava di moda al tempo dei vari proprietari. Di certo le sale più maestose sono quelle affrescate all'epoca dei Pisani.


VILLA-PISANI-AFFRESCHI


Il Salone delle Feste è sicuramente la stanza che tra tutte vi colpirà maggiormente. Si tratta di una sala molto ampia con una balconata superiore dove a quel tempo era solita posizionarsi l'orchestra. L'affresco sul soffitto, che rappresenta 'La Gloria della famiglia Pisani', fu realizzata da Tiepolo, la cui firma distintiva era il pappagallo che vedrete dipinto in un angolo della stanza.


VILLA-PISANI-SALA-DA-BALLO

VILLA-PISANI-FIRMA-TIEPOLO


A noi è piaciuta molto anche la Sala da Pranzo apparecchiata con un servizio di piatti usato dalla corte napoleonica. Tra l'altro noterete che era comune, a quell'epoca, sistemare le posate al contrario per far vedere il marchio della posata, ancora una volta a dimostrazione della ricchezza della famiglia.


VILLA-PISANI-SALA-DA-PRANZO


Una delle stanze più interessanti è sicuramente la camera di Napoleone Bonaparte il cui letto a baldacchino riporta le sue iniziali. Noterete che nel letto sono posizionati diversi materassi: si dice, infatti, che quella notte Napoleone non riuscisse a riposare e quindi abbia ripetutamente chiesto ai domestici  di portare nuovi materassi per riuscire a dormire. Una caratteristica dei letti di quel tempo è che appaiono molto più corti dei nostri. Sapete perché? Non solo perché le persone a quel tempo fossero più basse di statura, ma anche perché si dormiva da seduti. I motivi possono essere due: in primo luogo, si pensava che solo i morti dovessero giacere in posizione supina e quindi per non farsi sorprendere dalla Morte nel sonno, per superstizione era meglio dormire seduti; in secondo luogo, i nobili avevano spesso problemi di digestione a causa delle abbuffate a cui partecipavano, per cui dormire seduti li faceva stare meglio. 


VILLA PISANI: IL PARCO



Il parco di 14 ettari che circonda Villa Pisani è una vera meraviglia e non sorprende che sia stato premiato come miglior parco ripetutamente. Anche in questo caso la disposizione delle piante e delle varie strutture architettoniche è stato modificato nel corso del tempo in base alle necessità della famiglia e alle mode del tempo.


VILLA-PISANI-PARCO

VILLA-PISANI-GHIACCIAIA


Uno degli ambienti del parco maggiormente fotografati e apprezzati è sicuramente il Labirinto, uno dei più belli al mondo. Siamo certi che vi divertirete come bambini a raggiungere la torretta centrale e ad immaginare il tempo in cui queste strutture servivano da scenografia per le relazioni amorose tra le coppie nobili che frequentavano la villa.


VILLA-PISANI-LABIRINTO


In questo periodo dell'anno si può maggiormente apprezzare il parco anche per le fioriture che lo abbelliscono e passeggiare lungo i suoi sentieri è una gioia per i sensi. Siamo certi che apprezzerete l'Orangerie, la Coffee House posta su una collinetta che un tempo serviva da ghiacciaia e l'Esedra impreziosita da una galleria ornata da glicini. Ogni angolo del parco è una meraviglia da apprezzare e magari da immortalare in fotografia.


VILLA-PISANI-ORANGERIE

VILLA-PISANI-COFFEE-HOUSE

VILLA-PISANI-ESEDRA


Alle spalle di Villa Pisani è posizionata una grande vasca che collega l'edificio principale con le Scuderie al lato opposto. Pensate che in origine questa vasca non esisteva. Nel 1909, quando parte della Villa venne utilizzata dall'Università di Padova, si decise di costruirla per esperimenti di idraulica. In realtà oggi questa è una delle meraviglie di Villa Pisani che la rendono elegante e maestosa tanto da ricevere l'appellativo di 'piccola Versailles'.


VILLA-PISANI-SCUDERIE


VILLA PISANI: ALCUNE CURIOSITA'


  • Villa Pisani ospitò molti regnanti e personaggi celebri del tempo. Di questi ricordiamo, tra gli altri, D'Annunzio (che descrisse questo luogo nel suo romanzo 'Il fuoco'), Wagner e Pasolini.
  • In una delle stanze della Villa avvenne il primo incontro in Italia tra Hitler e Mussolini nel 1934.
  • Villa Pisani è stata utilizzata come set cinematografico da Pasolini. Recentemente, è apparsa nel videoclip della canzone 'Simili' di Laura Pausini.


VILLA PISANI: INFORMAZIONI PER LA VISITA



VILLA-PISANI-RETRO


Per conoscere orari e giorni di visita vi rimando al sito ufficiale di Villa Pisani.

E' possibile, in alcuni giorni della settimana e ad orari prestabiliti, visitare la Villa accompagnati da una guida. Dato che i gruppi devono essere composti al massimo da 30 persone, vi consigliamo di arrivare in anticipo per potervi partecipare. Comunque, la visita della Villa e del Parco è consentita anche in autonomia.

All'interno del Parco troverete i servizi igienici e una Caffetteria dove vengono serviti panini e piatti caldi. 

Per ogni altra informazione potete visitare il sito ufficiale di Villa Pisani: http://www.villapisani.beniculturali.it

Speriamo che presto possiate anche voi visitare questa bellissima villa perché è veramente una delle meraviglie della Riviera del Brenta. Trovate altri suggerimenti e idee per i vostri itinerari in questa bella regione nella sezione VENETO del blog.

Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di maggio 2019 indetto dal blog Trippando.

8 commenti:

  1. Stupenda questa villa!
    Le dimore storiche sono sempre affascinanti sia per le meraviglie che custodiscono sia per la storia che raccontano ��

    RispondiElimina
  2. Ho visitato Villa Pisani qualche anno fa con un tour delle ville venete e devo dire che ci ho lasciato il cuore ed è un tour che devo assolutamente rifare! villa Pisani l'ho visitata in una giornata d'autunno piovosa ma dalle tue foto, immagino che deve essere fantastica in primavera e in estate quando il suo giardino è al massimo dello splendore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dev'essere bello il tour che hai fatto tu... Le hai raggiunte navigando sul Brenta? Noi, x risparmiare un pochino, ci siamo mossi in auto, ma quel tour dev'essere veramente interessante! 😉💚

      Elimina
  3. Eccoti Alessandra, aspettavo il tuo articolo sul giro nel Veneto, andato tutto bene? Questa è forse la villa più bella lungo il Brenta, ce ne sono davvero tante, e oguna diversa. Il tuo articolo la descrive perfettamente, compliementi davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sì è stato proprio un bel viaggetto. Man mano vi racconterò i luoghi che abbiamo visto😉🌷

      Elimina
  4. Che posto! Mi ha colpito in particolare il parco: mi sembra un posto dove passeggiare senza meta e con la mente sgombra potrebbe essere rilassante e bellissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È davvero bello il parco... Soprattutto in questa stagione😍😍😍

      Elimina