Escursionismo


Oggi, per la rubrica #viaspettodame, ho il piacere di ospitare una travel blogger marchigiana che ci farà scoprire la bella Fabriano, la città in cui vive. Di solito quando si pensa a Fabriano viene subito in mente la carta, ma cos'altro ha da offrire questa bella città a livello turistico? Ce lo racconta oggi Michela.


PANORAMA-SU-FABRIANO

CIAO. RACCONTACI QUALCOSA DI TE E DEL TUO LAVORO.


Ciao, mi chiamo Michela e al momento sono in cerca di lavoro! Il blog è un hobby che coltivo da diverso tempo, anche se a fasi alterne, da quando iniziarono ad apparire i primi spazi free! Mi piace scrivere: il blog è stata una specie di evoluzione del “diario segreto” che in tante abbiamo avuto da piccole, anche se i contenuti poi sono totalmente diversi. Mi ha anche avvicinato a quei grandi paroloni come “SEO” e “copywriting”, seguo corsi online e leggo articoli su questi argomenti in modo da far fruttare un po’ tutto questo tempo libero. Le altre mie attività preferite sono la lettura e lo sport, ultimamente sto cercando di avvicinarmi alla fotografia, ma da autodidatta.


DOVE ABITATE TU E LA TUA FAMIGLIA? IN QUALE PROVINCIA ITALIANA?


FABRIANO-PIAZZA-DEL-COMUNE

Abito a Fabriano, in provincia di Ancona, nelle Marche! Fabriano si trova nel “cuore verde” d’Italia, nell’Appennino Umbro-Marchigiano, in una valle circondata dai monti dai quali nasce il fiume Giano che attraversa la città. 
Fabriano è nota come “la città della carta” perché qui da secoli si produce appunto la carta, sia a livello industriale (per la Zecca di Stato e per i famosi album da disegno, ad esempio) sia a livello artigianale. Inoltre, Fabriano fa parte della rete delle Città Creative UNESCO dal 2013: più precisamente è stata nominata Città Creativa dell’Artigianato e quest’anno ha ospitato, dal 10 al 15 giugno, la XIII UNESCO Creative Cities Conference.


PERCHE’, SECONDO TE, DOVREMMO VENIRE A SCOPRIRE LA ZONA IN CUI VIVI?


È ancora troppo poco conosciuta anche se ha da offrire molto, in termini paesaggistici, gastronomici e culturali. Possiamo venire incontro a tantissime tipologie di turisti, grazie alle colline e alle montagne che ci circondano, non solo da ammirare ma anche da visitare ed esplorare. Ovviamente non mancano i monumenti da visitare e i piatti tipici da gustare!


IN UN SOLO WEEKEND COSA CI CONSIGLIERESTI DI VISITARE?


FABRIANO-LOGGIATO-SAN-FRANCESCO


Direi proprio che Fabriano e i suoi dintorni sono l’ideale per un weekend!
In centro abbiamo ben 5 musei: il Museo della Carta e della Filigrana, dove potrete affacciarvi nel mondo dei mastri cartai ed ammirare filigrane, strumenti e come si realizza la carta a mano; il Museo dei Mestieri in Bicicletta, una rassegna di biciclette d’epoca ancora equipaggiate con gli accessori legati al lavoro che svolgeva il proprietario; il recentissimo Museo Internazionale dell’Acquarello, nato nel 2017 ed il primo al mondo ad essere dedicato all’acquarello; il Museo Farmacia Mazzolini Giuseppucci, dedicato ad una delle farmacie storiche più importanti d’Italia; la Pinacoteca Civica Bruno Molajoli, che custodisce opere risalenti nel periodo compreso tra il Duecento ed il Cinquecento, costituendo una delle più importanti collezioni marchigiane.
Da vedere anche Piazza del Comune, dalla particolare forma triangolare, che ospita la Fontana Sturinalto e su cui si affacciano l’austero Palazzo del Podestà e lo splendido Loggiato San Francesco. Meritano una visita anche il Teatro Gentile, la Cattedrale di San Venanzo, la Chiesa di San Domenico ed il Complesso di San Benedetto: in ognuno vi si ritrovano affreschi e dipinti di epoca medievale. 
Se ci spostiamo fuori città, possiamo immergerci nella natura e visitare il Monastero di San Silvestro, il Castello di Precicchie (piccoli gioiellini incastonati fra i monti, con panorami mozzafiato) e le più famose Grotte di Frasassi


CI SONO ESCURSIONI NATURALISTICHE O ATTIVITA’ SPORTIVE CHE SI POSSONO FARE DALLE TUE PARTI?


Il nostro territorio è l’ideale per chi ama passeggiare nella natura e per gli escursionisti, anche principianti! A questo proposito, segnalo Natour Lab, che si occupa di escursioni naturalistiche e organizza percorsi tra i sentieri e le cime degli Appennini che circondano Fabriano. Si rivolgono a tutti, anche famiglie. Forniscono informazioni molto dettagliate circa prezzi, percorsi, difficoltà ed equipaggiamento. 
È comunque possibile organizzarsi “in proprio”, procurandosi delle cartine dei sentieri della zona.


QUALI SONO I  PIATTI TIPICI DELLA ZONA? CI POTRESTI CONSIGLIARE QUALCHE BUON POSTO DOVE MANGIARE BENE SENZA SPENDERE UNA FOLLIA?


Io consiglio sempre i locali che frequento più spesso e in cui mi ci trovo solitamente bene. Hanno tutti prezzi contenuti e personale giovane e cordiale, molto attivo nel partecipare alle iniziative cittadine, anche con menu creati ad hoc per gli eventi.  
A gestione familiare, da Nonna Rina Ristorantino si trovano diversi piatti della tradizione fabrianese: possiamo partire con il Bruschettone con Ciauscolo ed Erbe strascinate per poi proseguire con le Pincinelle (la pincinella è un tipo di pasta tipico del fabrianese) ed il Coniglio in Porchetta o il Capretto alla Marchigiana. Possiamo poi concludere con la “trilogia marchigiana”, che vi permette di assaggiare tre dolci tipici del fabrianese: la crescia fojata, il castagnaccio e la brustenga.
Ancora, suggerisco la Trattoria Marchegiana. Nel 2013 è stato riconosciuto come Locale Storico Marche dalla Regione. Serve il Tagliere di Mastro Marino (crescia, verdure saltate, salumi e formaggi locali); le Pincinelle all’amatriciana;  i ravioloni con ciauscolo e pecorino (rispettivamente un salame ed un formaggio del territorio) ed alcune birre artigianali prodotte in zona.
Piccola menzione per il Tanning Pub: chiaramente ispirato ai pub irlandesi, offre anche alcuni prodotti tipici della zona, come le Pincinelle ed i Maccheroncini da abbinare con un sugo a scelta e alcuni vini marchigiani come il Verdicchio e il Passerina.


CI SONO ATTIVITÀ O LUOGHI ADATTI ALLE FAMIGLIE CON BAMBINI?


Trovo molto adatta ai bambini la visita al Museo della Carta e della Filigrana, dove i mastri cartai permettono ai bimbi di partecipare al processo che porta alla realizzazione della carta fatta a mano ed è anche possibile, su prenotazione, farli partecipare ai laboratori didattici. Anche il Museo dei Mestieri in Bicicletta potrebbe essere una destinazione affascinante per i più piccoli. Per quanto riguarda le attività a contatto con la natura, la già citata Natour Lab si occupa anche di attività e laboratori per i più piccoli. 

PER VISITARE AL MEGLIO LA TUA ZONA DOVE CI CONSIGLIERESTI DI SOGGIORNARE PER LIMITARE GLI SPOSTAMENTI?

Sia in città che nelle frazioni di Fabriano sono presenti molte strutture ricettive tra cui scegliere, in base alla durata della visita e degli eventuali spostamenti: agriturismi, b&b, hotel, facilmente rintracciabili e confrontabili sui siti dedicati.


PENSI CHE LA TUA ZONA SIA ADEGUATAMENTE VALORIZZATA A LIVELLO TURISTICO?


No, non ancora. Da questo punto di vista si può ancora migliorare molto, soprattutto bisognerebbe far passare il messaggio che anche a Fabriano c’è tanto da scoprire. 


ULTIMA DOMANDA: C’E’ UN LUOGO IN PARTICOLARE CHE POCHI CONOSCONO, MA CHE TU CI CONSIGLI ASSOLUTAMENTE DI VEDERE DALLE TUE PARTI?


Come dicevo prima, Fabriano e dintorni sono ancora poco valorizzati e di conseguenza poco conosciuti nel loro complesso. Fabriano si trova in una zona veramente notevole dal punto di vista soprattutto naturalistico. Inoltre, negli ultimi anni si stanno moltiplicando iniziative ed eventi di vario tipo, per tutti i gusti e gran parte di questi sono organizzati e promossi dai giovani del luogo, in ogni stagione. Ogni momento è buono per scoprire cosa ha da offrire questa cittadina nascosta tra le cime appenniniche! 


IL BLOG DI MICHELA: 
Gli Appunti di Mik                      


I SUOI PROFILI SOCIAL: 

6 commenti:

  1. Ok, sono convinta, ero curiosa di visitare Fabriano ma non l'avevo mai presa seriamente in considerazione. Ora non solo voglio visitare tutti i musei, ma mi è venuta fame a leggere di tutte le bontà culinarie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un weekend in quella zona te lo consiglio veramente! 😉

      Elimina
  2. Anche se geograficamente non è vicinissima, Fabriano mi ricorda molto la zona dove vivo io, il Roero, in Piemonte. Anche qui c'è tanto da vedere ma purtroppo la zona non è promossa come merita dal punto di vista turistico.
    Sono stata a Fabriano secoli fa, in gita con le medie, e ho dei vaghi ricordi. Eravamo anche stati alle grotte di Frasassi e mi è tornato in mente proprio ora leggendo l'articolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pensa te che combinazione! Purtroppo entrambe le zone sono ancora poco considerate, hai ragione! ❤️

      Elimina
  3. Fabriano!! Un'altra città che voglio assolutamente visitare!! Mi ricorda tanto i miei anni alle medie, quando era obbligatorio l'album da disegno riquadrato FABRIANO 4. L'ho adorato. E puntualmente lo compro ancora. Ma al di là di questo ricordo, mi piacerebbe visitare tutta la zona, dato che non ci sono mai stata!! La inserisco negli itinerari prossimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che questa parte delle Marche ti piacerà sicuramente!

      Elimina