Escursionismo


Le valli dolomitiche sono spesso protagoniste di fiabe e leggende. Una tra le saghe più importanti è quella che ha come protagonisti i Fanes, personaggi semi-leggendari che si dice abitassero negli altipiani delle Fanes. L'escursione che vi vogliamo proporre attraversa proprio il leggendario regno dei Fanes collegando il Rifugio Pederu al Rifugio Fanes.



PARCO-FANES-SENNES-BRAIES


Dove si trova il Rifugio Pederu


Il Rifugio Pederu (1548 m) si trova a San Vigilio, frazione del comune di Marebbe nella valle di Mareo, una laterale della Val Badia. Importante stazione sciistica, si trova a poca distanza dal celebre Plan de Corones. 

Proprio a San Vigilio di Marebbe si trova il centro visite del Parco naturale Fanes-Sennes-Braies dove potrete raccogliere informazioni che vi aiuteranno ad organizzare la vostra visita in una delle aree naturalistiche più belle di tutta la regione. Questo parco, infatti, comprende alcune tra le cime più celebri delle Dolomiti come la Croda Rossa d’Ampezzo, il Picco di Vallandro, la Croda del Becco e il Monte Specie. Sempre all’interno del parco avrete la possibilità di ammirare splendidi laghi come il lago di Braies e il lago di Dobbiaco. Insomma, c’è l’imbarazzo della scelta in quanto ad escursioni e passeggiate naturalistiche da fare in zona.



PARCO-NATURALE-FANES-SENNES-BRAIES


Raggiungere il Rifugio Pederu è molto semplice. Dal centro di San Vigilio di Marebbe seguite le indicazioni per il Rifugio Pederu. Vi inoltrerete nella Val di Rudo che si estende per circa 12 km attraverso prati e boschi incontaminati e che termina proprio davanti al Rifugio Pederu. La strada è a pedaggio (al momento della stesura di questo post l’importo ammonta ad euro 10), ma ne vale assolutamente la pena. Tra l’altro, una volta arrivati al Rifugio, troverete un grandissimo parcheggio dove potrete lasciare l’auto gratuitamente.


RIFUGIO-PEDERU
RIFUGIO PEDERU


Dal Rifugio Pederu (dove è possibile anche pernottare) partono alcune tra le più belle escursioni all’interno del Parco Fanes-Sennes-Braies. Già in un precedente post vi avevamo proposto il percorso che dal Rifugio Pederu vi porta alla Malga Sennes. Oggi vi vogliamo proporre il percorso che dal Rifugio Pederu vi porta al Rifugio Fanes.

Dal Rifugio Pederu al Rifugio Fanes


Proprio alle spalle del Rifugio Pederu troverete le indicazioni per il Rifugio Fanes, raggiungibile in circa un paio d’ore percorrendo il sentiero n. 7. La prima parte del sentiero è in salita ed è l’unico tratto del sentiero un po’ più faticoso. In realtà potrete decidere se imboccare il sentiero più stretto oppure la via carrozzabile più larga. Noi sinceramente abbiamo iniziato con il sentiero più breve (ma anche più ripido) per poi continuare il percorso spostandoci sulla strada più larga percorribile anche in bici. Potete decidere anche di percorrere la strada più larga e meno ripida all’andata e al ritorno scendere attraverso il sentiero più stretto. A voi la scelta.



SENTIERO-7-VERSO-RIFUGIO-FANES

RIFUGIO-PEDERU-DA-SENTIERO-7


Dopo la prima parte più ripida raggiungerete un vasto altopiano dove, magari, avrete la fortuna di avvistare qualche marmotta. Di certo potrete vedere molte mucche al pascolo e ammirare il paesaggio che qui è davvero splendido. Ai lati della strada noterete alcune sculture in legno che raffigurano dei volti: alcuni simpatici, altri mostruosi. Non siamo riusciti a reperire informazioni in merito, ma pensiamo vogliano rappresentare i Fanes, i leggendari abitanti dell’altopiano. Ammirarli uno per uno renderà ancora più divertente l’escursione, soprattutto se sarete in compagnia dei vostri bambini.



SCULTURE-IN-LEGNO-SENTIERO-7


Durante il percorso incontrerete man mano alcuni rifugi più piccoli fino a raggiungere un bivio dove potrete scegliere verso quale direzione dirigervi. 



MALGA-PICES-FANES
MALGA PICES FANES

UCIA-DLES-MUNTAGNOLES
UCIA DLES MUNTAGNOLES


BIVIO-FANES-LAVARELLA


Andando a sinistra dopo poche decine di metri raggiungerete il Rifugio Fanes (2062 m), mentre girando a destra arriverete al Rifugio Lavarella (2042 m). Si tratta di rifugi grandi e ben attrezzati in cui è possibile, prenotando, anche pernottare. Entrando nel sito ufficiale del Rifugio Fanes potrete trovare informazioni in merito alla struttura, ma anche tante idee su escursioni da fare in zona prendendo come punto di partenza il rifugio stesso.



RIFUGIO-FANES
Rifugio Fanes


Per tornare al Rifugio Pederu potete percorrere la stessa via dell’andata. Il sentiero può essere percorso comodamente anche con i bambini. L’unica accortezza è quella di proteggere il capo dei bimbi in quanto l’escursione è completamente sotto al sole.

Ma che lingua parlano qui?!


Probabilmente noterete, sia a San Vigilio di Marebbe che nei rifugi di cui vi abbiamo parlato, che le indicazioni e le insegne non sono solo in tedesco e in italiano, ma anche in una terza lingua. Di che si tratta? Della lingua ladina, una lingua molto antica che viene parlata in tutti quei comuni compresi all’interno della Ladinia. La lingua ladina è ufficialmente riconosciuta e viene tutelata da diverse norme che ne prevedono l’insegnamento nelle scuole pubbliche della zona e l’uso nei rapporti orali e scritti con gli uffici della pubblica amministrazione.

Prendetevi il tempo, soprattutto all’interno dei rifugi, di ascoltare le persone che lo parlano: sarà un’esperienza piacevole e divertente che arricchirà ancora di più la vostra permanenza all’interno del parco. 

Paesaggi incontaminati, buona cucina e un salto nella cultura ladina: tanti motivi per organizzare una vacanza all’interno del Parco naturale Fanes-Sennes-Braies. Non siete d’accordo con noi?



MUCCHE-AL-PASCOLO

18 commenti:

  1. Non ho parole!! quanta natura ... cascate, animali in ogni dove e lo sguardo si perde all'infinito!! Bellissimo questo itinerario che proponi alla scoperta di questo luogo incantato!

    RispondiElimina
  2. E' un itinerario bellissimo!!
    L'ho fatto anni fa, con figlia piccola nel marsupio, portata io a salire e il padre a scendere.
    In uno dei punti ritratti in foto ho fatto anche un cambio pannolino!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pensa!! In effetti ho visto tante famiglie con bambini! E poi con tutte quelle mucche x loro è davvero un paradiso!! Grazie💚

      Elimina
  3. Altro trekking che mi segno, mi ha dato l'impressione di essere abbastanza tosto, ma che paesaggi! Poi bellissimi i volti scolpiti lungo il tragitto, rendono il tutto ancora più suggestivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, x te sarà una passeggiata! Il primo tratto è un po'più faticoso per il dislivello, ma facendo la carrozzabile diventa tutto più semplice. Spero tu possa presto andarci!!

      Elimina
  4. Da troppo tempo desidero vedere queste zone, mi stai dando tanti utili informazioni su quali sentieri percorrere. A me piacerebbe soggiornare nei vari rifugi per avere modo di fare trekking per più giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'ottima idea la tua. In effetti rifugi grandi come questi sono la base per trekking di più giorni. Qui passa l'Alta Via 1 che attraversa le Dolomiti Venete. Spero che tu possa percorrerla presto! Grazie

      Elimina
  5. Mi piacerebbe proprio! Vorrei sicuramente fermarmi una notte perché credo che in certi orari l’atmosfera sia davvero magica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai fatto questa esperienza, ma penso sia bellissima!!!

      Elimina
  6. Mi piacciono sempre i racconti di montagna! Fanes l'ho visitata in un weekend invernale quando il mio folletto era davvero piccolo per cui niente escursioni!
    Ma dormire in quota dev'essere davvero intrigante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anch'io! Dev'essere un'esperienza bellissima!! Grazie😊

      Elimina
  7. Non sono una grande camminatrice in montagna, ma paesaggi come questi invogliano proprio a fare un po' di fatica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, anch'io ho il mio ritmo x salire (tipo lumaca x intenderci😂), ma i panorami incantevoli ricompensano sempre la fatica! 💪🏻😊

      Elimina
  8. Che meraviglia è grazie la visita di questi posti che ho voluto intraprendere l'apprendimento del tedesco, anche in Austria soprattutto nella regione più vicina alla Baviera se ne vedono di simili, e che dire non ne ho mai abbastanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che anche a me piacerebbe molto impararlo? Ho un grande rispetto x la loro cultura! Complimenti!!

      Elimina
  9. Adoro passare dal tuo blog, perchè ogni volta trovo articoli sui miei posti preferiti! Quanto amo queste zone, quanto amo il regno dei Fanes! Questo sentiero lo feci da piccola, quando alloggiavo a San Vigilio. Ma di recente sono arrivata al rifugio Fanes dalla Val Badia, partendo dalla Capanna Alpina di San Cassiano! Che meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che i miei post ti piacciano, ma contraccambio il complimento perché vale la stessa cosa anche x me! Il mio sogno è quello di fare una vacanza solo pernottando nei rifugi e percorrendo una delle Alte Vie. Magari un giorno!! 😍😍😍

      Elimina