Escursionismo


Qualche settimana fa, in occasione della celebre Sagra della Castagna a Montemonaco, abbiamo avuto modo di visitare il Museo della Sibilla. La figura della Sibilla, così controversa e misteriosa, incuriosisce ancora oggi studiosi e storici, per cui è stato un piacere saperne di più visitando il Museo creato in suo onore. Venite a scoprirlo insieme a noi...


MUSEO-DELLA-SIBILLA-MONTEMONACO



CHI ERA LA SIBILLA? UN TUFFO NELLA LEGGENDA 

Se provate a cercare 'Sibilla' su Internet scoprirete che sono diverse le figure leggendarie con questo nome. La Sibilla di cui vogliamo parlarvi oggi è la Sibilla Appenninica, che si pensa risiedesse in una grotta del Monte che prende il suo nome. 

Si ritiene che la Sibilla fosse una specie di profetessa o sacerdotessa in grado di fare predizioni a chi l'avesse voluta raggiungere nel suo antro. Si dice che dall'entrata della grotta si potesse raggiungere un palazzo pieno di tesori dove la Sibilla viveva con le sue ancelle. 

Le sue aiutanti, dai piedi caprini, si dice che dopo il tramonto raggiungessero i paesi vicini per incontrare i giovani del posto ed insegnare alle ragazze a tessere e a filare. Prima dell'alba dovevano però tornare all'interno della grotta della Sibilla.

È vero che si tratta di una leggenda, probabilmente modificata e ingigantita dalle tradizioni orali, ma visitando i Sibillini noterete che i nomi di molte località fanno riferimento a questa storia. Scoprirete 'la strada delle Fate', 'le fonti delle Fate', 'i sentieri delle Fate' e così via. 

IL MUSEO DELLA SIBILLA A MONTEMONACO 

Il Museo della Sibilla a Montemonaco è il museo più specifico che possiate trovare sul tema della Sibilla. Non per niente ci troviamo poco distanti dalla celebre Grotta della Sibilla.


MUSEO-DELLA-SIBILLA-MONTEMONACO-ENTRATA


Si tratta di un museo piccolino, ma che, oltre ad essere la Casa del Parco, ci racconta molto su questa figura leggendaria. Con l'ausilio di pannelli, foto originali e video ci viene ben spiegato quanto la ricerca della Sibilla abbia incuriosito studiosi, avventurieri o semplici viandanti nel corso della storia.


MUSEO-DELLA-SIBILLA-INTERNO


MUSEO-DELLA-SIBILLA-PANNELLI


Il primo a parlare della Sibilla fu Andrea da Barberino che, nel suo poema cavalleresco 'Il Guerrin Meschino', conduce il protagonista del romanzo proprio nell'antro della Sibilla dove riceve informazioni in merito ai suoi genitori. 

Nel 1420 Agnese di Borgogna invia Antoine de la Sale a scoprire la verità sulla Sibilla. Il racconto del suo viaggio diventerà 'Il paradiso della regina Sibilla', scritto proprio dal cavaliere e poeta De la Sale.

All'interno del Museo della Sibilla scoprirete antiche mappe di come si pensava fosse strutturata la Grotta della Sibilla, ma anche foto di come doveva apparire la celebre caverna negli anni '50-'60. Probabilmente a causa degli esplosivi utilizzati per forzare l'apertura della grotta il soffitto è crollato impedendone oggi l'accesso. Alcune indagini geologiche del 2000 hanno dimostrato l'esistenza di alcune cavità sotterranee e questo potrebbe far pensare ad una qualche verità dietro l'aura di leggenda che avvolge la figura della Sibilla. Sta di fatto che ancora oggi non si sa ancora molto di questa celebre signora.


MUSEO-DELLA-SIBILLA-FOTO


Il Museo della Sibilla è stato strutturato anche i piccoli visitatori, anzi, a fine percorso, grandi e piccoli avranno modo attraverso un tunnel di 'entrare nella grotta della Sibilla'. Provateci!


MUSEO-DELLA-SIBILLA-ENTRATA-TUNNEL

MUSEO-DELLA-SIBILLA-USCITA-TUNNEL

MUSEO-DELLA-SIBILLA-GROTTA


Via Trento 10
Montemonaco (AP)
Tel 0736/856462
Info.montemonaco@sibillini.net

Ingresso libero 

Orari:
Luglio e Agosto tutti i giorni 9:30-12:30; 15:30-18:30
Settembre e Ottobre sabato e domenica 9:30:12:30; 15:30-18:30
Ultimo fine settimana di ottobre apertura straordinaria durante la Sagra della Castagna con escursioni e visite guidate nei castagneti

LA GROTTA DELLA SIBILLA OGGI

Come dicevamo prima, oggi è impossibile accedere alla Grotta della Sibilla a causa dei massi che ne ricoprono l'entrata. Questo non significa che non si possa arrivare a piedi nelle sue vicinanze, anzi questa è una delle più celebri escursioni che si possano fare sui Monti Sibillini.


MONTE-SIBILLA
MONTE SIBILLA


Partendo da Montemonaco seguite le indicazioni per il Rifugio Sibilla (1540 m). Lì potete lasciare la macchina e iniziare il percorso a piedi. Ci sono due modi per raggiungere la Grotta. Potete continuare a piedi sulla strada sterrata che prosegue in leggera salita fino ad arrivare alla Grotta (e poi alla cima del Monte Sibilla) oppure prendere il sentiero dietro al rifugio che, attraverso una ripida salita, vi porterà lungo la cresta del Monte fino alla cima per poi scendere leggermente fino alla Grotta. Dato che il secondo percorso è più faticoso, ma anche più panoramico, potete seguire il primo sentiero per la salita e scendere percorrendo il secondo.

Ricordate che non ci sono punti ristoro lungo il percorso e che l'itinerario si svolge sempre sotto il sole. Vi consigliamo perciò di rifornirvi di acqua, cibo e crema solare prima della partenza.

Speriamo tanto di avervi incuriosito con la storia della Sibilla Appenninica. Conoscevate già la sua storia?

Vi lasciamo qui di seguito alcuni spunti per un itinerario sui Monti Sibillini:

Cosa fare nei Sibillini: itinerario da San Liberato a Sarnano

Montefortino, il secondo comune più esteso della provincia di Fermo

Sagra della Castagna a Montemonaco: i Sibillini celebrano l'autunno

Cosa vedere a San Ginesio, il balcone dei Sibillini














14 commenti:

  1. sempre interessanti i tuoi post, trattano argomenti nuovi, con un tocco di originalità!
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie x il tuo bellissimo commento. Mi fa molto piacere che ti piacciano i miei post! ❤️

      Elimina
  2. A me queste leggende fanno impazzire. Io scelgo sempre di crederci perchè, alla fine, in una leggenda è nascosta sempre un po' di realtà, e viceversa ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, le leggende partono sempre da un fatto vero e poi vengono arricchite col tempo. Grazie mille😊

      Elimina
  3. Dai ma che carino questo museo! Non conoscevo Sibilla come figura leggendaria..
    Mi hai incuriosita.. e poi i piccoli musei mi affascinano molto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti incuriosita. Anch'io sono sempre alla ricerca di queste chicche😄❤️

      Elimina
  4. Ho sentito tanto parlare di questa leggenda ma non sapevo esistesse un museo. Un motivo in più per andar da quelle parti, dopo l'escursione tappa al museo. ;)

    RispondiElimina
  5. Certo è che la Sibilla era davvero brava nel nascondere il suo segreto, tanto che rimane tutt'ora una leggenda affascinante e misteriosa. Grazie per averci fatto scoprire questo piccolo gioiello, ci piacerebbe visitare il museo in futuro! ��
    Un abbraccio e buona domenica ragazzi ��

    RispondiElimina
  6. Molto interessante. Io amo molto la Sibilla come figura leggendaria e letteraria e credo che i Sibillini siano una parte molto interessante del nostro paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É molto affascinante! Noi che abitiamo qui vicino ogni volta che guardiamo il Monte Sibilla pensiamo a questa figura leggendaria!

      Elimina
  7. Molto interessante. Mi hai riportato indietro ai tempi del liceo, quando ho sentito parlare per la prima volta della Sibilla.

    RispondiElimina