La provincia di Ascoli Piceno, la più meridionale delle Marche, offre molto a livello turistico. Come vi abbiamo raccontato nel post "Cosa vedere in provincia di Ascoli Piceno" il territorio ascolano ospita moltissimi borghi medievali che valgono davvero una visita.

Qualche settimana fa abbiamo avuto il piacere di visitare il borgo di Acquaviva Picena e, sopprattutto, la Fortezza o Rocca degli Acquaviva che in precedenza avevamo trovato chiusa. Oggi vi vogliamo raccontare la nostra visita ad Acquaviva Picena.


FORTEZZA ACQUAVIVA PICENA


Dove si trova Acquaviva Picena


Acquaviva Picena è un borgo dell'entroterra ascolano. Il paese sorge sulla sommità di una collina che domina la Valle del Tronto, a pochi km di distanza dal mare e dalla città di San Benedetto del Tronto. La sua posizione dominante permette di godere di una fantastica vista che dal mare arriva fino ai Monti Sibillini e alle montagne abruzzesi.



Cosa vedere ad Acquaviva Picena: la Fortezza degli Acquaviva


Il borgo di Acquaviva Picena è molto carino e curato. Il centro storico è racchiuso da una cinta muraria ben conservata ed è possibile accedervi attraversando una delle sue storiche porte.


CINTA MURARIA ACQUAVIVA PICENA


Sulla sommità della collina si erge la Rocca o Fortezza degli Acquaviva, edificata tra il XIII e il XIV secolo. Quasi tutti i borghi marchigiani si sviluppano in collina e sono dotati di castello e mura: il modo migliore per respingere gli attacchi degli invasori fin dai tempi delle incursioni longobarde e saracine.

La Rocca fu costruita per volere della famiglia Acquaviva, ma dell'impianto originario restano pochi frammenti. La Fortezza venne in parte danneggiata dai Fermani fino a quando, nel 1474, venne ricostruita da Giovan Francesco Azzolino che affidò i lavori a Baccio Pontelli. 

La Fortezza, dall'aspetto solido e massiccio, ha pianta quadrangolare e accoglie al suo interno un'ampia corte dotata di pozzo e rafforzata nei vertici da torrioni. Lungo le pareti delle mura che circondano la corte attualmente sono posizionati dei pannelli didascalici che raccontano la costruzione della Rocca e le tecniche di assedio in epoca medievale. 


CORTE INTERNA FORTEZZA ACQUAVIVA PICENA


Il torrione più imponente, il Mastio, ha forma circolare ed è alto circa 22 metri. Dai camminamenti delle mura e dalla sommità del Torrione è possibile godere di una vista meravigliosa sul borgo di Acquaviva e sulle colline circostanti. 


PANORAMA DAL CASTELLO DI ACQUAVIVA PICENA

BORGO ACQUAVIVA PICENA


Oggi la Rocca non solo è visitabile, ma viene utilizzata per convegni, concerti e matrimoni. Infatti, durante la nostra visita, una coppia stava prendendo accordi per il ricevimento nuziale.


Cosa fare ad Acquaviva Picena: partecipare alla rievocazione storica Sponsalia


Acquaviva Picena fa da scenario, nel mese di agosto, alla rievocazione storica Sponsalia che ricorda il matrimonio di Forasteria degli Acquaviva con Rinaldo dei Brunforte, avvenuto nel 1234. All'interno della Fortezza tra fiaccole, musiche, balli medievali, fuochi e giochi si possono gustare ricercate specialità medievali. Per accedere alla festa medievale e al mercatino l'entrata è libera, ma per partecipare al banchetto è necessario la prenotazione in quanto i posti sono limitati. Per ulteriori informazioni vi rimando alla pagina ufficiale.


Modalità di visita della Fortezza di Acquaviva Picena


È possibile visitare la Fortezza in maniera autonoma da maggio a inizio gennaio con orari differenti in base alla stagione. Per date e orari di ingresso vi rimando al sito ufficiale della Fortezza di Acquaviva Picena.


CASTELLO ACQUAVIVA PICENA


È possibile per gruppi e scolaresche accedere alla Rocca anche in altre date previa prenotazione visita guidata telefonando al numero 335 370870 o inviando una mail a sponsalia@paliodelduca.it

  • Ingresso: 5 euro
  • Bambini fino ai 6 anni e persone con disabilità: ingresso gratuito
  • Bambini dai 6 ai 14 anni, over 65 e gruppi: 3 euro


Altre località interessanti in provincia di Ascoli Piceno:


Cosa vedere in provincia di Ascoli Piceno:10 idee tra borghi ed escursioni in mezzo alla natura

Castel Trosino: nella terra dei Longobardi

La ciclovia della Costa Picena

Nessun commento:

Posta un commento