Escursionismo


Percorrere il Sentiero Kneipp a Tesido era una di quelle esperienze che volevamo fare prima o poi in Val Pusteria. Quest'anno ce l'abbiamo fatta e vi vogliamo raccontare com'è andata.


INIZIO-SENTIERO-KNEIPP-TESIDO



COS'E' UN SENTIERO KNEIPP

Il Sentiero Kneipp prende il nome da Sebastian Kneipp, un sacerdote tedesco malato di tubercolosi che, dopo aver studiato i principi dell'idroterapia, decise di applicarli a se stesso. Sembra sia guarito dalla sua malattia dopo essersi immerso alternativamente in acqua calda e fredda per sei mesi. Secondo Kneipp il nostro sistema cardiocircolatorio trarrebbe giovamento da questo cambiamento di temperatura.

Al di là dei benefici veri o presunti di questa terapia, i vari percorsi Kneipp si basano sullo stesso principio di alternare ritmicamente acqua calda e fredda e molti centri termali includono questa esperienza nei loro programmi benessere. In molte località del Trentino Alto Adige è possibile percorrere un sentiero di questo tipo direttamente in mezzo alla natura e questo è il caso del Sentiero Kneipp a Tesido.

IL SENTIERO KNEIPP A TESIDO


TESIDO-VAL-CASIES


Tesido è una località turistica della Val Casies, una vallata che si diparte dalla Val Pusteria all'altezza di Monguelfo. Seguendo le indicazioni per Prati di Tesido si arriva al parcheggio dedicato a coloro che desiderano percorrere questo sentiero (Kneippweg in tedesco). A distanza di pochi metri dal parcheggio inizia il vero e proprio sentiero.

Prima di iniziare a percorrere il sentiero viene consigliato di avere le gambe e i piedi caldi. Mentre si cammina nell'acqua fredda bisogna stare attenti alla reazione delle gambe: se si nota un leggero arrossamento della pelle, formicolio o tensione ai polpacci è meglio sospendere l'esercizio.


RUSCELLO-SENTIERO-KNEIPP-TESIDO


All'inizio del sentiero vedrete una 'porta' e un piccolo ponticello: lì potete togliervi le scarpe e iniziare il percorso. Chi non desidera togliere le scarpe e attraversare il ruscello può comunque percorrere un sentierino a lato che corre parallelo al primo senza bagnarsi. Si può anche decidere, se uno non ce la fa, di rimettere le scarpe e di continuare la passeggiata sul sentiero asciutto.


LUNGO-IL-SENTIERO-KNEIPP-TESIDO


Il sentiero Kneipp è lungo circa 2 km e attraversa in leggera salita il bosco. A piedi nudi non solo si attraverserà più volte il ruscello grazie a ponticelli e scalette, ma si calpesteranno parti del sentiero ricoperte di muschio, corteccia e ghiaia. Tutto questo dovrebbe riattivare la circolazione e regalare una sensazione di benessere.


BOSCO-SENTIERO-KNEIPP-TESIDO


Alla fine del percorso arriverete ad un ponticello simile a quello che avete trovato all'inizio: lì potrete risciacquare i piedi, asciugarli e rimettervi gli scarponi. Seguendo le indicazioni per Seppila e poi per Tesido tornerete in breve tempo al parcheggio.


ARRIVO-SENTIERO-KNEIPP-TESIDO


IL SENTIERO KNEIPP: LE NOSTRE CONSIDERAZIONI

In tutta sincerità non siamo rimasti molto entusiasti da questo sentiero. Abbiamo avuto la sensazione che il percorso fosse un pochino abbandonato a se stesso, ma magari può dipendere dalle condizioni atmosferiche dei giorni precedenti.

Ci teniamo a dirvi di fare molta attenzione lungo il sentiero a causa delle radici scivolose degli alberi e delle pietruzze taglienti. Io, per esempio, ho sbattuto un dito del piede contro un sasso sotto l'acqua e non è stato per niente piacevole tanto che ho pensato si fosse rotto.

Non diciamo questo per spaventarvi perché alla fine si tratta di un percorso molto semplice, ma per  invitarvi a fare molta attenzione, soprattutto se ci andrete con i vostri bambini. Raccontateci la vostra esperienza se percorrerete questo sentiero o un altro basato sugli stessi principi.

Nel frattempo, potete trovare tante altre idee su escursioni da fare in zona nella sezione TRENTINO ALTO ADIGE.





21 commenti:

  1. Il percorso kneipp è sicuramente una bella esperienza certo non siamo più abituati a camminare scalzi perciò bisogna fare attenzione a dove si poggiano i piedi per non farsi male. Mi madre mi racconta sempre che da bimbi stavano sempre a piedi nudi perciò non temevano sassi o spigoli appuntiti, noi abbiamo perso questo contatto con la natura ma vivendo in città è comprensibile.

    RispondiElimina
  2. Avevo sentito che ne esistono di naturali, ma finora ne avevo percorsi solo dentro le SPA, forse questo non è tenuto benissimo, ma sarebbe bello trovarne altri di ben conservati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente è dipeso dal fatto che aveva piovuto nei giorni precedenti... comunque so che ce n'è un altro a Terento. Grazie!

      Elimina
  3. In realtà mi sembra un'idea fighissima, però sì, bisogna stare attenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo (e lo sta dicendo anche il mio ditino del piede)! : DD

      Elimina
    2. Devo dire che (scampata rottura del dito a parte) io impazzirei per poter fare un'esperienza del genere. Mi piacerebbe tanto che ci fosse anche nella mia zona: mi ci fionderei al volo.

      Elimina
  4. Siete stati coraggiosi! Io non credo l’avrei fatto, sia per l’acqua fredda che poi per la terra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma... ho scelto io di fare questo sentiero... però ogni 5 metri mi ripetevo 'Ma chi me l'ha fatto fare?'....che macello di donna che sono!!

      Elimina
  5. L'idea di percorrere il percorso scalzi da un lato mi invoglia molto e dall'altro mi fa terrore per i pericoli che i nostri piedi possono incontrare ma sicuramente è una esperienza da provare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso anch'io così...e adesso che l'ho provata... Mi rimetto le scarpe!!! 🤣🤣🤣

      Elimina
  6. Ho fatto diversi percorsi Kneipp in spa ma ogni volta sono rimasta un po'perplessa, nel senso che I brevi percorsi a mollo e camminando su superfici diverse erano unpo'noiosi e non ho avvertito un effetto benefico. Però veramente quello che hai descritto mi intriga, non tanto per il percorso kneipp in sè, quanto per lo scenario naturale e la possibilità di un contatto stretto con l'acqua del ruscello, I muschi e tutti quegli elementi naturali non artificialmente disposti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sicuramente anche se il principio base é lo stesso, percorrerlo in mezzo alla natura é tutta un'altra cosa. Grazie

      Elimina
  7. Mi piace molto l'idea di camminare scalzi su sentiero, anche se, come dici tu, serve tantissima attenzione! Io per ora ho provato solo percorsi molto brevi e che non erano veri e propri sentieri, ma sarei curiosa cimentarmi in questo itinerario (che tra l'altro è proprio in una delle mie zone montane preferite!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che sono curiosa della tua opinione...💪🏻😄

      Elimina
  8. Mi piacciono molto i sentieri Kneipp e ne ho "vissuto" solo uno in Austria, in cui si alternava la camminata con gli scarponi con quella scalzi. Io adoro mettere i piedi nei ruscelli e per me è stato come tornare bambina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piacciano... Io ho avuto un piccolo incidente che mi ha intimorito un po' nel camminare a piedi nudi😅

      Elimina
  9. Esperienza sensoriale sicuramente molto interessante. La natura cura, non c'è dubbio, e ogni tanto è veramente un'esigenza del corpo e della mente tornare con i piedi nella terra e avvolti dalla selva. Lo trovo rigenerante. Quanto all'alternanza di freddo e caldo anche in scandinavia hanno questa concezione, infatti spesso fanno bagni gelidi in inverno o si tuffano nudi nella neve per poi rientrare immediatamente al caldo delle loro case. Temerari ma evidentemente anche coscenti del benessere che questo può portare al corpo.

    RispondiElimina
  10. Ho sempre fatto i percorsi kneipp nelle spa. Non pensavo si potesse fare in un bosco, deve essere una bella esperienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, bisogna stare un pochino attenti, ma è molto divertente!

      Elimina