Escursionismo


Qualche anno fa, in occasione di un viaggetto estivo tra le nostre amate Dolomiti, abbiamo deciso di visitare il famoso Lago di Tovel, detto anche 'lago rosso' per il colore che assumono le sue acque in estate. Ma è davvero così? Di che colore è veramente il lago? Oggi vi vogliamo portare con noi e raccontare la storia di questo fantastico specchio d'acqua.


LAGO-DI-TOVEL

 
COME RAGGIUNGERE IL LAGO DI TOVEL

Il lago di Tovel (1178 m s.l.m.) si trova alla fine dell'omonima vallata (Val di Tovel, appunto) che si diparte dalla Val di Non e che dal paese di Tuenno si sviluppa all'interno verso le Dolomiti di Brenta. Il lago, che fa parte del Parco Naturale Adamello Brenta, è il lago naturale più esteso della Val di Non

Il lago di Tovel si può raggiungere a piedi, in bici, in macchina (nei periodi in cui la strada non è chiusa) e con la navetta in estate. Quest'anno la navetta per Tovel sarà attiva dal 14 luglio al 2 settembre 2018. Volendo ci sono dei parcheggi lungo la vallata prima di arrivare al lago, ma il consiglio è quello di parcheggiare nei posteggi gratuiti a Cles o a Tuenno e prendere da lì la navetta per il lago. Il costo della navetta è infatti inferiore al costo dei parcheggi lungo la vallata. 

Comunque, affinché possiate programmare al meglio la vostra giornata al lago, vi lasciamo QUI tutte le informazioni sui prezzi dei parcheggi e gli orari della navetta.

Noi abbiamo percorso a piedi il sentiero che dall'Albergo Capriolo in circa 2 ore e mezza porta al lago: sono circa 5 km di percorso in lieve salita.

SENTIERO-PER-IL-LAGO-DI-TOVEL


Una volta raggiunto il lago vi consigliamo di  percorrere il facile sentiero che gira attorno al lago e che è fattibile anche con i passeggini.


RIVE-LAGO-DI-TOVEL


IL LAGO DI TOVEL: E' ROSSO... O NO?

Il lago di Tovel è noto come 'il lago rosso' a causa della colorazione rossastra che un tempo assumevano le sue acque nel periodo estivo. Questo fenomeno, dovuto alla presenza di un'alga microscopica (oggi conosciuta come Tovellia Sanguinea) ha continuato a ripetersi fino agli anni '60. Molto probabilmente il motivo per cui il lago non assume più questo colore è dovuto alla carenza di nutrienti nelle acque del lago che un tempo venivano provveduti dalle mandrie che pascolavano nei pressi del lago. 

Anche se oggi il lago non è più rosso, non significa che abbia perso la sua bellezza. Sulle acque color smeraldo del lago di Tovel si specchiano le cime delle Dolomiti di Brenta rendendo il paesaggio quasi fiabesco. Siamo certi che resterete affascinati dallo splendore di questo anfiteatro naturale!

LA LEGGENDA DEL LAGO ROSSO

Anche se oggi conosciamo la causa scientifica della colorazione rossastra del lago, un tempo per spiegarla veniva raccontata una leggenda.

Si narra che la principessa Tresenga, figlia dell'ultimo re di Ragoli, non volesse sposare nessuno dei vari pretendenti che chiedevano la sua mano. Lavinio, re di Tuenno, non accettò il rifiuto e decise di attaccare Ragoli. La principessa Tresenga e gli abitanti di Ragoli non si fecero intimorire e uscirono in battaglia contro Lavinio. Purtroppo la principessa e i suoi sudditi persero la battaglia e tutto il sangue versato colorò di rosso le acque del lago. Ogni anno, in occasione dell'anniversario della battaglia, il lago ricorda questo sacrificio colorandosi di rosso. E' una storia triste, ma affascinante vero?

Rosso o no, speriamo di avervi invogliato a visitare il magnifico Lago di Tovel in Val di Non. Vi ricordiamo, inoltre, che nella sezione TRENTINO ALTO ADIGE potrete trovare tante altre idee per le vostre escursioni in questa bellissima regione. Buon divertimento!






14 commenti:

  1. Che bellezza questo lago, penso che adesso sarebbe un bel periodo per visitarlo e trovare un pò di refrigerio dalla calura estiva. Grazie per la spiegazione , non sapevo dell'alga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti questo è un ottimo periodo per visitarlo... noi ci siamo stati qualche anno fa proprio ad agosto. Spero tu possa un giorno visitarlo! Grazie

      Elimina
  2. Mi hai fatto fare un tuffo nel passato: da piccola ci venivo spesso in estate!

    Purtroppo il suo colore rosso è sparito, dicono che tra le tante cause ci sia anche l'inquinamento di mezzo ma esattamente le cause non si conoscono. Ma il suo fascino rimane comunque inalterato ... vuol dire che ci dovrò ritornare di corsa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sarebbe piaciuto vederlo rosso... Peccato! Però é bellissimo ugualmente! 😍

      Elimina
  3. Appena ho letto il titolo ho pensato "Aaaahhhhh ma e' nella mia wish list!!" Infatti nel 2019 vorrei davvero trascorrere una settimana estiva in Trentino, che conosco solo nella sua splendida versione invernale.
    Che bella la leggenda della principessa, ma dimmi, come si colora il lago ogni anno in memoria della battaglia? Lo illuminano con delle luci rosse o cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene a pensare ad andare in Trentino in estate...é una meraviglia. Per quanto riguarda il colore, io non penso che venga illuminato artificialmente. Purtroppo ormai il colore rosso fa parte del passato. Grazie x essere passata!

      Elimina
  4. Peccato che non sia più rosso, comunque la sua storia è bellissima, così come i colori attuali! Merita una giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì é un peccato veramente... Però rimane comunque, come dicevi tu, un lago bellissimo!

      Elimina
  5. Anche se non è più rosso in estate andrei con estremo piacere da quelle parti per fare escursioni magari salendo sulla montagna che ho intravisto in foto :)

    RispondiElimina
  6. Non sono mai stata al Lago di Tovel, ma conoscevo la sua leggenda delle acque tinte di rosso! Dalle foto che vedo mi sembra veramente molto bello.. batte il lago di Braies?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono belli entrambi. Sicuramente il lago di Braies é più conosciuto grazie alla celebre fiction. Grazie😊

      Elimina
  7. Bellissimi i colori, non sarà più rosso ma ha mantenuto un azzurro brillante tipico dei laghi di montagna 😍 ma ci sono foto del lago rosso in passato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ci sono, le trovi su internet. Doveva essere bellissimo!! Anche oggi però é stupendo! Grazie

      Elimina