Escursionismo


Durante un Ponte invernale di qualche anno fa, abbiamo deciso di visitare la Val Venosta, una zona del Trentino Alto Adige che ancora non conoscevamo. Durante quel bellissimo weekend abbiamo avuto modo di apprezzare due località bellissime della Val Venosta: il borgo di Glorenza e il Lago di Resia. Oggi vi vogliamo portare con noi a conoscerle.


LAGO-DI-RESIA-VAL-VENOSTA



IL BORGO MEDIEVALE DI GLORENZA


GLORENZA-VAL-VENOSTA


Glorenza è la più piccola città dell'Alto Adige. Si trova a circa 50 km da Merano, altra gemma della Val Venosta, e a circa 85 km da Bolzano, capoluogo dell'Alto Adige. Vista la breve distanza dal confine svizzero, Glorenza ha avuto nel passato un ruolo notevole nel commercio del salgemma che dal Tirolo settentrionale veniva trasportato in Svizzera.

Col tempo Glorenza è diventata, per la sua bellezza conservatasi nel tempo, un centro importante a livello turistico e oggi fa parte dei 'Borghi più belli d'Italia'.

La caratteristica principale di Glorenza è la sua cinta muraria perfettamente conservata, fatta edificare dall'imperatore Massimiliano I dopo che la città era stata completamente rasa al suolo nel 1499.  In questo modo si intendeva proteggerla da attacchi futuri e così è stato.


MURA-GLORENZA-VAL-VENOSTA

CENTRO-STORICO-GLORENZA-VAL-VENOSTA


Una volta varcate le mura, sembra di fare un salto nel passato. Il piccolo borgo medievale è come se fosse rimasto cristallizzato all'epoca medievale. Le vie pulite e ordinate e le case dalle facciate dipinte invitano il turista a scoprirne ogni angolino. Tra l'altro Glorenza è l'unico centro abitato dotato di portici di tutta la Val Venosta.


BORGO-GLORENZA-VAL-VENOSTA

PORTICI-GLORENZA-VAL-VENOSTA


Percorrendo le vie del borgo di Glorenza potrete ammirare numerose dimore storiche di grande valore, arricchite dai tipici Erker, e decorate con affreschi. Alcune di queste ospitano piccoli hotel o ristoranti. E' qui, infatti, che abbiamo pranzato durante il nostro itinerario in Val Venosta.


CASA-TIPICA-VAL-VENOSTA

BORGO-STORICO-GLORENZA-VAL-VENOSTA


IL LAGO DI RESIA


Proseguendo in auto verso il confine, a circa 20 km da Glorenza troverete un altro gioiello della Val Venosta: il lago di Resia. Siamo certi che avrete visto spesso l'immagine del campanile che spunta dalle sue acque, ma purtroppo questa immagine è legata ad una storia molto triste.


CAMPANILE-CURON-VENOSTA-LAGO-DI-RESIA


Un tempo in questa zona si trovavano 3 laghi naturali: il lago di Resia, il lago di Curon (detto anche lago di Mezzo) e il lago di San Valentino alla Muta. Nel 1950 si decise di unire i laghi costruendo una diga, ma in questo modo venne sommerso l'antico abitato di Curon Venosta che venne ricostruito più a monte. 163 case e 523 ettari di terreno coltivato a frutta vennero sommersi dall'acqua. Gli abitanti del posto protestarono cercando di impedire la costruzione della diga, ma purtroppo non vennero ascoltati. L'abitato venne fatto esplodere per impedire alle famiglie di rimanere nelle proprie case.

L'unica traccia dell'antico abitato è proprio la cima del vecchio campanile di Curon, che d'inverno, quando il lago gela, è raggiungibile a piedi. Una leggenda racconta che in alcune giornate d'inverno si sentano ancora suonare le campane (cosa non possibile perché sono state rimosse nel 1950). Di sicuro questo campanile è rimasto a testimoniare alle generazioni più giovani quanto è successo qui a Curon Venosta.

Se desiderate approfondire la storia di Curon e del suo campanile vi consigliamo di visitare il Museo Alta Val Venosta che, oltre a conservare oggetti sacri e attrezzi contadini, espone foto di Resia e di Curon prima e dopo l'inondazione. Noi, purtroppo, a causa dei tempi stretti, non abbiamo potuto visitarlo, ma speriamo un giorno di poter rimediare.


LAGO-DI-RESIA-D-INVERNO


DOVE DORMIRE IN VAL VENOSTA


Noi abbiamo scelto di soggiornare presso l'Hotel Burgund a Parcines, a pochi km da Merano. Un hotel pulito, moderno e dotato di ogni comodità. Il rapporto qualità/prezzo è veramente ottimo e in più si trova a poca distanza dalle principali località turistiche della Val Venosta.


HOTEL-BURGUND-PARCINES-VAL-VENOSTA


Una piccola chicca se siete in zona: a Lagundo vi consigliamo di fermarvi a visitare la fabbrica della birra Forst. Durante la visita viene illustrato tutto il procedimento che porta a questo favoloso prodotto. Per i ragazzi sotto i 16 anni la visita non è possibile. Indispensabile la prenotazione.

Allora, siete pronti per una vacanza in Val Venosta? Di sicuro non vi annoierete!

Se amate la montagna, troverete tante altre idee nella sezione ESCURSIONISMO del blog. Vi auguriamo tante belle avventure!






8 commenti:

  1. Amo il Sud Tirolo e lo frequento da anni. Glorenza è stato amore a prima vista!
    Meglio no comment sulla vicenda della diga di Curon :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche x noi l'Alto Adige é un grande amore😍. Grazie😊

      Elimina
  2. Percorro la Val Venosta tutte le volte che vado in Italia ed è un'emozione ogni volta. Concordo con te che ci sono tantissimi posti da vedere.
    Uno di questi, a Glorenza, è la distilleria Puni che produce un whisky di malto locale di altissima qualità e per quanto ne so è l'unico produttore in Italia. Si possono anche prenotare delle visite e l'edificio, progettato da un bravissimo architetto altoatesino di nome Werner Tscholl, è spettacolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille x questa chicca!! Da segnare x la prossima volta👍😉

      Elimina
  3. Conoscevo la storia del campanile, è veramente incredibile. Non riesco a immaginare cosa possa voler dire vedere il proprio paese sommerso dall'acqua. Una storia davvero triste che però ha creato uno scenario quasi surreale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero, é una storia molto triste, ma, come dici tu, ha reso ancora più affascinante questa zona. Grazie

      Elimina
  4. Adoro la Val Venosta, soprattutto fuori stagione. Il Lago di Resia ghiacciato è davvero speciale.

    RispondiElimina