Sicuramente, se dovessimo abbinare la città di Venezia ad un'immagine, molti di noi sceglierebbero la gondola: il mezzo di trasporto tipico della città più romantica d'Italia. Il suo profilo elegante e sinuoso ricorda molto quello di un cigno nero che si muove silenzioso attraverso i canali. Oggi, attraverso questo breve post, vorremmo raccontarvi qualcosa in più di questo particolare mezzo di trasporto che ci affascina così tanto. Entriamo, allora, nel mondo della gondola veneziana.


VENEZIA-GONDOLE


Breve storia della gondola


Non si sa con certezza quando sia nata la gondola: molti propendono per l'XI secolo. In realtà compare per la prima volta in alcuni dipinti solo alla fine del Quattrocento. La gondola, però, acquista la sua fama soprattutto tra il XVII e il XVIII secolo quando inizia a prendere la nota forma allungata e il suo caratteristico ferro di prua si evolve.

Non si conosce nemmeno di preciso l'origine del suo nome. Alcuni pensano che la parola 'gondola' derivi dal latino cymbula (barchetta) o da conchula, diminutivo di concha (conchiglia).


Perchè il ferro di prua ha questa forma? 


Il ferro di prua è l'unica parte in metallo della gondola ad eccezione della lama di poppa. Il ferro di prua aveva in origine lo scopo di controbilanciare il peso del gondoliere, che rema in poppa, mentre oggi ha soprattutto una funzione decorativa. 


GONDOLA-FERRO-DI-PRUA


La tradizione vuole che i 'pettini' rappresentino i sei sestieri, o rioni, in cui è divisa Venezia, mentre la piccola sporgenza posteriore rappresenterebbe l'isola della Giudecca. La doppia curvatura a 'S' rimanderebbe alla forma del Canal Grande.


Perchè le gondole sono nere?


Anche sul colore nero della gondola sono fiorite moltissime congetture. Secondo alcuni, lo sfarzo, i colori e il lusso delle gondole tra il XVI e il XVII secolo erano così esagerati da spingere il Senato di Venezia a stabilire sanzioni pecuniarie per i proprietari di gondole troppo appariscenti, allo scopo di incoraggiare la sobrietà. Dato però che molti preferivano pagare la sanzione piuttosto che rinunciare all'estetica, un magistrato avrebbe decretato che tutte le gondole fossero dipinte di nero. Altri ipotizzano che il nero delle gondole servisse a risaltare il bianco incarnato delle nobildonne veneziane.


GONDOLE-NERE-VENEZIA


La verità è molto più semplice: il nero sarebbe derivato, almeno all'inizio, dalla necessità di ricoprire la gondola di pece per renderla impermeabile.


Come fa a procedere dritta vista la posizione del gondoliere e la presenza di un unico remo a destra?


Osservando una gondola ci meraviglia il fatto che proceda dritta dal momento che ha un unico remo fissato a destra sulla cosiddetta forcola. A rigor di logica l'imbarcazione dovrebbe girare sempre a sinistra. Qual è il suo segreto?


GONDOLIERE-VENEZIA


Lo scafo della gondola è asimmetrico: il lato destro è più stretto di quello sinistro di 24 centimetri. Ne consegue che la gondola galleggi fortemente inclinata sul fondo destro ed è proprio questa asimmetria a compensare sia l'effetto rotatorio dovuto all'uso di un remo solo, sia il peso del gondoliere che voga stando in piedi da un lato. Tutto ciò consente alla gondola di avanzare diritta.


La Regata Storica di Venezia


La Regata Storica che si svolge a Venezia ogni anno la prima domenica di settembre è la manifestazione per eccellenza legata al mondo delle gondole. Non è chiaro quando ebbe inizio la tradizione delle regate: la prima datazione certa risale al 1274 quando in un documento compare per la prima volta il termine 'regata'.

La Regata Storica si svolge principalmente lungo il Canal Grande ed è composta da due fasi ben distinte tra loro: il corteo storico e, a seguire, le regate competitive.

Il corteo storico rievoca l'accoglienza trionfale che fu riservata alla regina di Cipro Caterina Cornaro e al suo arrivo in città nel 1489 dopo l'abdicazione del suo trono in favore di Venezia (ad Asolo potete visitare il Castello della regina). Il corteo è formato da decine di imbarcazioni tipiche veneziane a remi con figuranti in costume d'epoca. 

Le regate, che seguono al corteo, sono delle vere e proprie manifestazioni sportive a cui tutta la città si prepara durante l'anno. Le regate sono di diverso tipo e difficoltà in base al tipo di imbarcazione e all'età o sesso dei rematori. 


GONDOLA-SIMBOLO-DI-VENEZIA


Speriamo che questo post vi abbia incuriosito e che vi permetta, quando tornerete un giorno a Venezia, di visitare le bellissime gondole sotto una luce diversa.

Nella sezione VENETO del blog trovate tante altri suggerimenti su cosa visitare all'interno di questa bellissima regione.



6 commenti:

  1. Descrizione molto dettagliata, alcune cose le conoscevo altre no. Tutto il mondo ci invidia Venezia e le sue gondole. Il lato un pò negativo è che i miei colleghi inglesi, qualche volta, hanno avuto difficoltà a comunicare in quanto hanno trovato persone che non parlavano inglese e per una città come Venezia è un pò impensabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso immaginare... Purtroppo x le lingue noi italiani siamo in generale un po' messi male🥴. Confidiamo nelle nuove generazioni😅

      Elimina
  2. Un articolo davvero interessante con tante curiosità!
    Alcune cose le sapevo, poche in realtà, altre no.
    Comunque pensa che ogni volta si fanno mille congetture dietro un mezzo così conosciuto e poi la verità riporta sempre a delle motivazioni logistiche, come nel caso del colore della gondola... ci piace sognare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione... Non è sempre tutto così poetico😂😂😂

      Elimina
  3. Una sfilza di curiosità delle quali non sapevo nulla. Mi ha stupito, ad esempio, come mai non mi sono mai chiesta perchè la gondola proceda dritta con un unico remo. Mistero svelato! Incredibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto. Anch'io sono sempre alla ricerca di qualche chicca interessante😅👍🏻

      Elimina