Escursionismo


Bobbio e la Val Trebbia sono una meta perfetta per una giornata o un intero weekend in famiglia: partiamo insieme alla scopertadi una delle Valli Piacentine #aspassodibimbo.

PANORAMA-DI-BOBBIO-E-DEL-PONTE-GOBBO
PANORAMA DI BOBBIO E DEL PONTE GOBBO

Tra le valli in provincia di Piacenza, la Val Trebbia è forse la valle più nota e amata: si dice che Hemingway la percorse in macchina e la definì “La valle più bella del mondo”. Ho sempre amato questa valle che sale dolcemente dalla pianura fino agli Appennini e da quando sono diventata mamma è diventata una delle nostre mete preferite per una gita domenicale: d’inverno ci permette di sfuggire alla nebbia e d’estate ci regala un po’ di fresco e la possibilità di fare il bagno nel fiume.

 Il modo più comodo per esplorare e scoprire la Val Trebbia è sicuramente la macchina: da Piacenza si prende la statale 45 e dopo circa 25 minuti si raggiunge Rivergaro, il primo paese dove si può fare una tappa per giocare al parco giochi e fare una passeggiata lungo il fiume. Amo questo parco giochi perchè fin da bambina venivo qui con la mia famiglia, e non capita spesso di giocare con una bella vista sulle prime colline e con l’arietta del fiume che scompiglia i capelli.

VAL-TREBBIA
LA NATURA SELVAGGIA DELLA VAL TREBBIA

Proseguiamo sulla strada che inizia a salire e presenta qualche curva molto apprezzata dai motociclisti. Il fiume Trebbia rimane sulla nostra destra e ci farà compagnia lungo tutto il nostro percorso. A Travo è possibile visitare il Parco Archeologico dedicato al Villaggio Neolitico di Sant’Andrea: oltre alla visita guidata dai pannelli informativi e dal museo archeologico, nei mesi estivi vengono organizzati diversi eventi e laboratori di scavo per avvicinare i bambini all’archeologia.

PANORAMA-VAL-TREBBIA
VISTA SULLA VAL TREBBIA

Per gli amanti del trekking e con ragazzi più grandicelli, da Travo si può prendere la deviazione per salire sulla Pietra Parcellara e sulla Pietra Perduca, le due montagne ofiolitiche che dominano dall’alto la parte iniziale della Val Trebbia. Ci sono diversi sentieri percorribili a piedi, con livelli di difficoltà e lunghezza diversi; la salita in vetta alla Pietra Parcellara deve essere in ogni caso fatta con scarpe adatte, perchè la parte finale è una cresta esposta. Dalla vetta potrete ammirare un panorama a 360 gradi che spazia dalla Val Trebbia fino alla Pianura Padana e alle Alpi, se avrete la fortuna di trovare una giornata limpida.In zona si trovano anche diverse falesie per l’arrampicata sportiva. Consiglio di fare questa deviazione se si pensa di trascorerre almeno due giorni in zona e si è appassionati di escursioni.

LE-ACQUE-CRISTALLINE-DEL-TREBBIA
LE ACQUE CRISTALLINE DEL TREBBIA

Continuiamo a percorrere la statale 45 fino a raggiungere Bobbio (senza soste occorrono circa 50 minuti da Piacenza): qui parcheggiamo la macchina e ci dedichiamo a scoprire questo borgo. L’attrazione principale di Bobbio è il Ponte Gobbo, un ponte romano dalla caratteristica forma a gobba, esclusivamente pedonale.


PONTE-GOBBO-A-BOBBIO
PRIMI PASSI SUL PONTE GOBBO A BOBBIO

SPIAGGIA-SUL-TREBBIA-SOTTO-AL-PONTE-GOBBO
LA 'SPIAGGIA' SUL TREBBIA SOTTO AL PONTE GOBBO

Una volta attraversato, potete imboccare la strada asfaltata sulla sinistra e fermarvi a fare una merenda panoramica con vista sul paese di Bobbio e sul Monte Penice. È anche possibile scendere sul greto del fiume e giocare con acqua e sassi. Ripercorriamo il Ponte Gobbo e risaliamo verso il centro del paese, attraversiamo Piazza Duomo ed esploriamo le vie porticate brulicanti di vita, o quelle più silenziose del Borgo Medievale dove ancora trovate gli originali muretti in pietra. In Piazza San Francesco troverete un bel parco giochi ombreggiato dai castagni, ideale per un momento di relax, ma non dimenticate di visitare l’Abbazia di San Colombano e di ammirare il Castellio Malaspina.

I-PORTICI-DI-BOBBIO
I PORTICI DI BOBBIO

LA-CATTEDRALE-DI-BOBBIO
LA CATTEDRALE DI BOBBIO

Durante l’estate Bobbio è ancora più animata dal via vai dei motociclisti, da chi si ferma per fare spesa prima di andare in Trebbia a godersi una giornata a totale contatto con la natura, e da chi partecipa ai tanti eventi organizzati, tra cui spicca il Festival del Cinema di Marco Bellocchio. Il regista di “Buongiorno Notte” è infatti originario di Bobbio ed ogni estate da alcuni anni organizza qui un festival che richiama attori noti a livello nazionale.

BORGO-MEDIEVALE-DI-BOBBIO
I COLORI DEL BORGO MEDIEVALE DI BOBBIO
Andare in Trebbia è uno dei passatempi estivi preferiti dei piacentini che amano la natura: i posti più belli per tuffarsi nelle sue acque cristalline sono a volte un po’ impervi da raggiungere, ma la vostra fatica sarà ampiamente ripagata. Nel fine settimana vedrete macchine parcheggiate lungo la statale a picco sul fiume, in zona ci sarà quindi un scendere per scendere e raggiungere il greto del Trebbia: i luoghi di più facile accesso con i bambini (e parcheggio) sono Ponte Barberino, Bobbio e Marsaglia. Noi siamo stati diverse volte con il nostro bambino di tre anni e ci siamo divertiti moltissimo.

BAMBINI-FANNO-IL-BAGNO-IN-TREBBIA
FARE IL BAGNO IN TREBBIA E' UN'ESPERIENZA DIVERTENTE PER I PIU' PICCOLI

BAMBINI-GIOCANO-IN-RIVA-AL-TREBBIA
OPPURE SI PUO' GIOCARE CON I SASSI SUL GRETO DEL FIUME

BAMBINI-IN-BICI-A-BOBBIO
O ESPLORARE I BORGHI SU E GIU' IN BICI CON MAMMA E PAPA'

Nota bene: in Trebbia potrete trovare dei furgoncini che vendono bibite e qualche panino, ma conviene portarsi tutto da casa; non dimenticate salviettone, scarpette da scogli, crema solare e un ombrellone (se pensate di trascorrere anche le ore più calde).
A partire da Bobbio, la statale 45 diventa una strada panoramica con scorci incredibili sulle anse del Trebbia: anche se non volete fare il bagno, rimarrete incantati da questa valle dove la natura diventa via via più selvaggia e che porta fino al mare di Genova. Non a caso è stata soprannominata la Valle delle Favole.
Da Bobbio si possono percorrere altre due strade che ci porteranno alla scoperta dell’Appennino: rimanendo sul lato destro della valle possiamo salire comodamente in auto fino in cima al Monte Penice a quota 1460 metri. Anche nei mesi più caldi, quassù siete certi di trovare un po’ di refrigerio: potrete visitare il Santuario di Santa Maria e fare una merenda al bar godendovi la vista sull’Oltre Po Pavese. D’inverno è aperto anche un piccolo comprensorio sciistico dove i bambini possono divertirsi a scendere con lo slittino o affrontare le prime discese sugli sci.
Un altro modo per scappare dall’arsura è esplorare il lato sinistro della valle imboccando la strada per Coli, qui troverete il vero Appennino, e vedrete solo montagne e colline a perdita d’occhio interrotte da pochi gruppi di case sparse. Nei mesi estivi potete proseguire fino alla Pineta di Coli dove troverete il Parco Avventura Val Trebbia  dove piccoli e grandi potranno divertirsi a fare diversi percorsi sospesi tra gli alberi. In pineta si può fare un picnic, ma purtroppo non abbiamo trovato altri sentieri per fare delle passeggiate.

BAMBINI-IN-BICI-PONTE-GOBBO
PICCOLI ESPLORATORI IN BICICLETTA

E ora qualche consiglio su DOVE DORMIRE e MANGIARE (provati da noi)
Agriturismo San Martino – localizzato appena fuori Bobbio questo agriturismo offre camere spaziose immerse nella campagna, la possibilità di cenare sotto il porticato e attività con i cavalli.
Ristorante Pineta – superato il paese di Coli, seguite le indicazioni per località Fontana e troverete questa trattoria tipica, tappa fissa di motociclisti e cacciatori. I salumi piacentini, i tortelli, il cinghiale e le torte sono una delizia.
Ristorante Cacciatori  – appena sopra il Ponte Gobbo a Bobbio troverete il Ristorante Cacciatori dove potrete mangiare all’aperto o nella sala interna. Servizio gentile e rapido, specialità a base di funghi, da provare i 'maccheroni alla bobbiese', una pasta fresca fatta in casa a forma di spaghettone.
Se desiderate solo fare uno spuntino, fermatevi a comprare pane, focaccia, salumi e una fetta di torta nel panificio su Piazza San Francesco.
E ora siete pronti per organizzare una gita in Val Trebbia #aspassodibimbo?
Laura Cassinelli 
Ingirovagandomum

Facebook: @ingirovagandomum
Instagram: @ingirovagandomum






32 commenti:

  1. Non conoscevo per nulla questa zona. Mi ha incuriosito molto. Me la segno subito !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo felici di averti incuriosito... Buona gita!! ❤️❤️❤️

      Elimina
  2. Bellissimo post! È una zona che amo, ho ricordi d’infanzia.. grazie

    RispondiElimina
  3. Neppure io sono stata da quelle parti ma ho in programma di andare a maggio facendo una gita di una giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti per la primavera è un'ottima idea!! Grazie❤️

      Elimina
  4. Zone sconosciute per me, ma questo racconto mi ha incuriosita parecchio! Grazie!

    RispondiElimina
  5. A me piace moltissimo la Val Trebbia, anche più su... verso Ottone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece l'ho conosciuta adesso grazie a Laura... Devo rimediare altrimenti che figura ci faccio??😅😅😅 Grazie di essere passata❤️

      Elimina
  6. se riesco prima dell'estate voglio portarci la famiglia... E'una zona che non ha mai visitato e mi hai incuriosito.... d'altronde di tutte le bellezze che abbiamo in Italia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felice... ogni giovedì con la rubrica A spasso di bimbo proponiamo una meta adatta alle famiglie. Grazie x il tuo commento😉

      Elimina
  7. Meravigliosa Bobbio! Peccato esserci stati all' inizio della primavera...devo assolutamente tornare in val Trebbia per fare il bagno nel fiume!

    RispondiElimina
  8. Sono di Piacenza anch'io e a Bobbio sono legata dall'infanzia..
    Bellissimo leggere questo itinerario perfetto per chi ha bambini :)

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia, ho sentito parlare molto di Bobbio ma non ci sono ancora stata, mi hai fatto venire una gran voglia di rimediare! ^^

    (Giulia M.)

    RispondiElimina
  10. Ho dei bellissimi ricordi legati a questi luoghi! 😍

    RispondiElimina
  11. Con la bella stagione, ci farò sicuramente una bella gita

    RispondiElimina
  12. Ma sai che questo nome non mi é nuovo? Non mi ricordo se ci sono stata con gli scouts o se ci sono capitata un'estate con i miei genitori. Devo chiedere. Mi ricordo un fiume meraviglioso e un'acqua gelida...

    RispondiElimina
  13. Ho letto con piacere i tanti commenti positivi su questo itinerario! Ne sono davvero felice: l'Italia ha molto da offrire a chi vuole uscire dai percorsi piu' battuti. Vi aspetto tra Piacenza e la Val Trebbia, se avete bisogno di altri consigli o informazioni, saro' felice di provare ad aiutarvi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di averci fatto conoscere questi bei posti!! ❤️

      Elimina
  14. Sono ormai due anni che voglio visitare Bobbio ed i suoi dintorni, ma non riesco ad incastrare tutte le millemila cose che vorrei vedere! Il tuo articolo è davvero dettagliato. Me lo segno perchè mi sarà utile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... Anche se il merito va tutto a Laura Cassinelli per l'articolo!!😊

      Elimina
  15. Bobbio è salita alla ribalta come uno dei Borghi più belli d'Italia, e lo merita davvero. Hai scattato delle foto bellissime, mi piacciono molto, danno il senso di pacatezza che sicuramente lì si respira. Non pensavo che il fiume avesse l'acqua così trasparente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille anche se tutto il merito va a Laura che ha scritto il post e scattato le foto. Le nostre mamme blogger sono forti!!!💪🏻😊

      Elimina
  16. Complimenti per il bel blog!
    Volevo chiedervi, potete indicarmi una zona che abbia qualche pezzetto colla sabbia?
    Domani andrò col mio piccolo di 4 anni!:)
    Grazie famiglia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa il ritardo con cui ti rispondo ma ho visto solo stasera il tuo commento. Purtroppo il Trebbia ha un greto sassoso, difficilmente si trova la sabbia se non in piccole conche. Con un bambino di 4 anni ti consiglio la spiaggia La Berlina appena fuori Bobbio sulla destra.

      Elimina