Cosa fare in Val Pusteria in caso di pioggia? In un precedente post vi avevamo suggerito 15 idee su cosa fare in Val Pusteria quando piove, ma in questo post vi vogliamo parlare di una nuova chicca scoperta quasi per caso durante le nostre recenti vacanze in Alto Adige.

Oggi vi portiamo a scoprire il Museo del Turismo dell'Alta Pusteria a Villabassa.


TURISMO-MONTAGNA


Dove si trova il Museo del Turismo dell'Alta Pusteria


Il Museo del Turismo dell'Alta Pusteria è ospitato all'interno di Casa Wassermann al centro di Villabassa, un paesino della Val Pusteria a metà strada tra Monguelfo e Dobbiaco.


CASA WASSERMANN VILLABASSA



Casa Wassermann, un tempo di proprietà della famiglia nobile von Kurz, venne acquistata dai Wassermann nel 1892 i quali vi aprirono al piano terra una pasticceria. I Wassermann vi abitarono fino al 1977 ed è grazie alla loro sensibilità artistico-culturale che la casa ancora oggi conserva arredi e affreschi originali.


Il Museo del Turismo dell'Alta Pusteria: cosa vedere


Il Museo del Turismo di Villabassa racconta la storia del turismo nell'Alta Pusteria. Questa valle dell'Alto Adige orientale era frequentata già 150 anni fa da alpinisti, commessi viaggiatori, naturalisti ed artisti provenienti da tutta Europa.

Il fatto di essere circondata dalle splendide Dolomiti di Sesto e di Braies e di essere servita dalla ferrovia diede da sempre alla vallata una marcia in più. Vienna e Monaco erano distanti poche ore di viaggio per cui a livello turistico risultava più accessibile rispetto ad altre vallate più interne.

Al piano terra ed al primo piano del museo vengono rappresentati i fondamenti del turismo ricreando il fascino delle antiche locande e delle numerose sorgenti termali. Nell'Alta Pusteria gli alberghi erano strutture molto grandi che di solito sorgevano nella piazza principale dei paesi e lungo le principali vie di comunicazione. I primi alberghi e locande producevano autonomamente tutto il necessario per il sostentamento dei propri ospiti e dei loro animali: foraggio, granaglie, latte, uova, burro e carne.


MUSEO TURISMO VILLABASSA INTERNI


Un'intera sala è dedicata all'alpinismo in questa regione. Erano pochi i turisti che osavano affrontare l'alta montagna senza l'aiuto di una guida. L'attività delle guide alpine era soggetta a precise regole e tariffe. Le guide si dedicavano a questa attività durante l'estate per integrare le proprie entrate che, per il resto dell'anno, provenivano dall'agricoltura o dall'artigianato. 

Al secondo piano i visitatori vengono introdotti al turismo elitario che si diffuse in Val Pusteria a cavallo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo. Le eleganti camere ed i salotti frequentati dai nobili sono ricreati alla perfezione.


MUSEO TURISMO VILLABASSA SALE INTERNE


In una sala molto semplice è stata riprodotta, invece, la vita e il lavoro del personale di servizio degli hotel dell'Alta Pusteria. I servi erano tenuti a lunghi orari di lavoro e ad un'obbedienza senza discussioni. Le loro paghe erano basse e si poteva essere licenziati quasi senza spiegazione. Molte giovani donne, però, ambivano ad un posto in albergo piuttosto che lavorare nei campi: le attirava la speranza di ricevere delle mance o di trovare marito.


MUSEO TURISMO SERVITU


All'interno del Museo del Turismo di Villabassa trovano spazio anche mostre temporanee. Al tempo della nostra visita alcune sale ospitavano le opere dello scultore Adolf Vallazza e una mostra intitolata "Flora Eterna" in cui venivano illustrate le virtù delle piante alpine e la loro importanza per l'umanità.


MUSEO TURISMO VILLABASSA MOSTRA FLORA ALPINA

MUSEO TURISMO VILLABASSA MOSTRE TEMPORANEE


Museo del Turismo di Villabassa: prezzi e orari di apertura


Nei mesi di luglio e agosto il museo è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 18.

Nei mesi di settembre e ottobre il museo è aperto il martedì e il venerdì dalle 16 alle 18.

Il biglietto d'ingresso intero costa 5 euro, ma sono previste riduzioni per studenti, over 65, gruppi. I bambini fino ai sei anni d'età non pagano.

Il museo è visitabile autonomamente anche se per i gruppi, previa prenotazione, è possibile richiedere una visita guidata.

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito ufficiale dell'Associazione Turistica di Villabassa.



6 commenti:

  1. Mi segno subito questo interessante museo, adoro i musei sugli usi e costumi delle persone che ricreano scene di vita quotidiana e questo museo non fa eccezione!

    RispondiElimina
  2. Interessante un museo sul turismo di una regione, fa capire come davvero un territorio abbia un'antica vocazione all'accoglienza. È interessante anche per vedere come nel tempo il turismo si sia trasformato e per riflettere sul fatto che sicuramente il turismo delle origini era senz'altro più sostenibile di quello attuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È davvero un modo interessante e divertente per capire meglio l'antica storia del turismo in Val Pusteria!

      Elimina
  3. Conosco la zona ma mi mancava questo museo, molto interessante. Lo tengo in mente per la prossima volta che vado in Alta Pusteria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è molto pubblicizzato, ma è davvero molto carino! Merita una visita, magari in un giorno di riposo o di pioggia!

      Elimina