Escursionismo


Chi visita la zona del Lago d’Iseo per la prima volta rimarrà sicuramente colpito dalla sua bellezza paesaggistica, dalla sua cucina ma anche dalla sua storia. Le sponde del Sebino ospitano infatti numerosi borghi, uno più caratteristico dell’altro.

Quello di cui vi parlo oggi si chiama Lovere e si trova sulla sponda bergamasca del lago, quella occidentale. Lovere entra a far parte dei Club dei Borghi più belli d’Italia nel 2003 e ne ha tutti i motivi.


LOVERE


LOVERE: CENNI STORICI


Grazie alla sua posizione strategica, situato tra la Val Cavallina e il Lago d’Iseo, la storia di questo paesino risale a tempi molto antichi. Creato dai Celti, viene conquistato dai Romani che ne capiscono subito il potenziale e costruiscono la Strada di San Maurizio. Dopo anni di prosperità, Lovere successivamente cade sotto l’impeto dell’avanzata barbarica e viene conquistato dai Longobardi.

I Longobardi passano il testimone ai Franchi che ne danno la gestione al monastero di Tours. Siamo negli anni a cavallo del 1200, quando furoreggia la guerra tra Guelfi e Ghibellini. Proprio in questo periodo Lovere si dota di imponenti fortificazioni e nascono la torre sola, la Torre degli Alghisi e la Torricella Rotonda.

Nel XV secolo Lovere viene annesso al regno della Repubblica di Venezia che demolisce gran parte delle fortificazioni e passa la gestione del borgo da Brescia a Bergamo. In questi anni il paese vive un intenso periodo di fioritura economica che prosegue anche nei decenni successivi.

Nel 1815 Lovere passa al Regno Lombardo veneto e inizia a farsi conoscere anche in ambito turistico.


COSA VEDERE A LOVERE IN UN GIORNO


Lovere è un piccolo borgo, non una estesa città, per cui si può agevolmente visitare in una giornata. Di solito di primo acchito si rimane affascinati dal suo magnifico lungolago, che offre una vista spettacolare sia nella stagione calda che in quella fredda.



LOVERE-LUNGOLAGO


Di fronte al lago si trovano delle bellissime ville in stile liberty perfettamente conservate, prova di un passato glorioso in cui Lovere ospitava famiglie nobili durante i mesi estivi.

Inevitabile citare l’edificio che ospita l’Accademia Tadini, nei pressi di Piazza Garibaldi. L’Accademia Tadini è uno dei musei più antichi d’Italia: risale al 1829 e ospita alcune tra le opere più interessanti di Antonio Canova. L’Accademia inoltre è ancora attiva: la sua scuola di disegno e di musica richiamano studenti da tutto il circondario.

La sorpresa più grande viene offerta però dal centro storico. Su e giù dalle strette vie del borgo ci si imbatte in numerosi luoghi di interesse. Partiamo dalle Torri, che sono state recuperate e restaurate.

La Torre Civica è la più imponente e svetta nella Piazza Vittorio Emanuele II. Questa piazza è da sempre considerata il centro del borgo. Conosciuta anche come Piazza degli Uffizi, ospita gran parte delle istituzioni.



LOVERE-TORRE-CIVICA



Tra i vari palazzi che vi si affacciano, c’è il Palazzo Podestarile, antica sede del podestà che amministrava la giustizia durante la Repubblica di Venezia.

Continuando la passeggiata ci imbattiamo nelle altre torri. Ben conservate sono anche la Torre Soca, del XIII secolo, la Torre degli Alghisi del XII secolo e la Torricella dell’antica cinta muraria.



LOVERE-TORRE-DEGLI-ALGHISI


Proseguendo giungiamo alla Chiesa di San Giorgio del 1300, uno degli edifici più antichi della zona. Nel corso dei secoli subisce moltissime modifiche per cui della struttura originale rimane in realtà poco o niente. Addirittura nel XV secolo la Torre Soca viene inglobata nella struttura della chiesa.



LOVERE-CHIESA-DI-SAN-GIORGIO


Sempre in ambito di edifici religiosi, bisogna citare il Monastero di Santa Chiara e il Santuario delle Sante Loveresi Capitanio e Gerosa.

Il Monastero di Santa Chiara risale al 1500 e viene ampliato nelle decadi successive. Custodisce molte opere pittoriche e negli ultimi anni sta subendo numerose opere di restauro.

Il Santuario delle Sante Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa è abbastanza recente, del XX secolo. All’interno si possono ammirare i ritratti delle due donne che fondarono nel 1832 la congregazione delle suore di Santa Maria Bambina e che vennero canonizzate nel 1950.



PARTICOLARE-SANTUARIO-SANTE-LOVERESI

DETTAGLIO-SANTUARIO-SANTE-LOVERESI


Dalla parte medievale si passa alla zona rinascimentale dove bella vista di sé ci dà la Basilica di Santa Maria In Valvendra, del 1400. Inizialmente edificata in stile gotico viene poi modificata durante il rinascimento. E’ divisa in tre navate, quella principale è sormontata da una volta a botte e divisa dalle altre da un colonnato.

Molto interessante è anche l’Oratorio di San Martino, risalente addirittura al XV secolo, ovvero durante l’epoca in cui Lovere si trovava sotto i monaci di Tours.



LOVERE-CHIESA-DI-SAN-MARTINO


Se il tempo lo consente e avete voglia di camminare lungo un sentiero di montagna potete raggiungere il Santuario di San Giovanni, sulla cima del Monte Cala, da cui si gode di una vista spettacolare.


LOVERE: CURIOSITA’


La scrittrice inglese Lady Wortley Montagu, che visse a dovere per un lungo periodo, lo definì “il luogo più romantico che abbia mai visto”.

Nelle acque del lago ammarò più volte Mario Stoppani, uno dei più famosi aviatori della Prima Guerra mondiale.

Nel 2014 il Ministero dello Sviluppo Economico dedica a Lovere un francobollo legato alla serie “Patrimonio Naturale e Paesaggistico”.


COME ARRIVARE A LOVERE


Si può arrivare a Lovere dalle vicine città di Bergamo, Brescia e Milano.

Da Bergamo dista 42 Km e vi si giunge percorrendo la SS42 del Tonale e della mandola.

Da Brescia dista 50 Km prendendo la SP ex SS 510 Sebina Orientale.

Da Milano dista 90 Km percorrendo la A4 uscita Seriate e poi la SS42.

In aereo gli aeroporti più vicini sono Orio al Serio, Malpensa e montichiari.

In treno la stazione ferroviaria più vicina è Pisogne che dista circa 6 Km da Lovere.


Per altre informazioni www.lovereturismo.it

Nadi Zubi

Facebook: @datemiunam
Instagram: @datemiunam


18 commenti:

  1. Il lago di Iseo non lo conosco proprio come zona da visitare e devo dire che questo itinerario offerto da Nadi mi ispira un botto. Molto molto interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Allora prevedo una prossima gita nei dintorni! ; D

      Elimina
  2. post molto completo, interessante e anche inaspettato. un luogo certamente da visitare, grazie.

    RispondiElimina
  3. Molto interessanti i cenni storici e gli spunti di cose da vedere

    RispondiElimina
  4. Non conosco per nulla Lovere! per questo ho letto con molto interesse, mi sembra un bel posto per passarci almeno un paio di giorni!

    RispondiElimina
  5. Torneremo senz’altro sul lago di Iseo, ad inizio autunno ci siamo dedicati proprio alla città ed a Montisola facendo un’esperienza particolare in treno, la prossima volta sarà proprio il turno di Lovere

    RispondiElimina
  6. Che bella la cittadina di Lovere... mi ricorda molto la mia infanzia! Il lago d'Iseo è poco conosciuti, ma ha dei luoghi molto belli da visitare.

    RispondiElimina
  7. Ho scoperto giusto quest'anno il Lago di Iseo grazie ad un giro sul Treno dei Sapori e ti dirò che quei paesaggi mi hanno molto affascinato. Anche i paesini con alcuni edifici in muratura sono molto caratteristici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella idea visitare quella zona in treno... Dev'essere un viaggio bellissimo!! Grazie❤️

      Elimina
  8. Non ci siamo mai fermati sul lago di Iseo. La cittadina di Lovere sembra esse davvero un piccolo gioiello. Credo che la useremo come tappa nel prossimo viaggio in the road

    RispondiElimina
  9. Sono stata a Lovere giusto qualche giorno fa ma non ho visto tutte le cose che hai segnalato: me le sono perse. Dovrò tornarci col tuo post stampato. ;-)

    RispondiElimina