Visualizzazione post con etichetta Europa. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Europa. Mostra tutti i post

martedì 7 novembre 2017

Cosa vedere a Londra in 5 giorni senza spendere un capitale - Seconda parte -

Eccoci qua con la seconda parte del racconto del nostro viaggio a Londra. Come dicevamo, il nostro obiettivo è quello di mostrare che è possibile risparmiare, anche se per necessità potete viaggiare solo in alta stagione. Se vi siete persi la prima parte, potete trovarla qui.

TOWER-BRIDGE-LONDRA

Terzo giorno

Pimpanti e pieni di curiosità, siamo ripartiti di buon mattino alla volta della Tower of London, uno dei luoghi simbolo della capitale londinese. Grazie alla convenzione 2x1, abbiamo potuto visitare l'intero complesso pagando solo un biglietto di entrata.
Prendetevi qualche ora di tempo per visitare con calma l'intero complesso che comprende vari edifici, ognuno dei quali ospita interessanti esposizioni, tra cui il famosissimo Tesoro della Corona, e mostre temporanee. In biglietteria vi consigliamo di ritirare una copia del programma giornaliero.

TOWER-OF-LONDON
TOWER OF LONDON

A pochi passi dalla Tower of London, potrete ammirare il celebre Tower Bridge, simbolo di Londra quanto il Big Ben. Il ponte venne edificato nel XIX secolo quando il Tamigi serviva per veicolare l'intenso traffico di merci che proveniva dall'esterno e numerose imbarcazioni solcavano il fiume. All'interno delle torri un museo ripercorre la storia del ponte e mostra il suo funzionamento. Noi abbiamo deciso di non visitare il museo per questioni di tempo, ma sappiate che spesso anche questa attrazione rientra tra i luoghi convenzionati dalla promozione 2x1.

TOWER-BRIDGE
TOWER BRIDGE VISTO DAI GIARDINI DELLA TOWER OF LONDON

Appena dopo pranzo (panino da Pret a Manger) abbiamo proseguito nella nostra scoperta della città passando sulla riva opposta del Tamigi rispetto alla Tower of London. Questa zona di Londra, così legata al commercio marittimo, un tempo era un quartiere povero, ricco solo di case chiuse, taverne e teatri.

Oggi la situazione è completamente cambiata in quanto è proprio qui che potrete ammirare le costruzioni più avveniristiche di tutta Londra come lo Shard, alto 310 metri e progettato da Renzo Piano, e la City Hall, ovvero il Municipio, ideato da Norman Forest, che rievoca la forma di un bulbo inclinato. All'interno una scala elicoidale avvolge la sala dei dibattiti.

THE-SHARD-LONDRA
THE SHARD

Questa è una delle zone di Londra che ci ha colpito maggiormente in quanto, solo a distanza di poche centinaia di metri, vedrete convivere edifici modernissimi costruiti con le tecniche ingegneristiche più avanzate accanto a costruzioni di epoca vittoriana. E' una cosa che, secondo me, colpisce molto noi italiani che siamo abituati di solito, nelle nostre città d'arte, ad avere un centro storico medievale e una periferia più moderna. Qui invece l'antico si mescola al moderno in una sorta di quadro alquanto singolare.

LONDRA

Vi consigliamo di percorrere a piedi la Queen's Walk, ovvero una passeggiata lungo il Tamigi che in posizione panoramica collega Tower Bridge al London Eye.

In questa zona di Londra potrete ammirare e visitare alcuni celebri monumenti come il mitico teatro di Shakespeare, il Globe, edificato nel 1559, e il museo dedicato alla sua lunga ricostruzione avvenuta nel XVII secolo. Se avete pochi giorni a disposizione per visitare la città per forza di cose dovrete, come noi, scegliere cosa tralasciare durante la vostra visita e noi abbiamo deciso di non visitare l'interno del teatro. Questo dà solo un'idea del perchè la maggior parte di coloro che hanno visitato Londra una volta decidono di tornarci in seguito più volte per poter visitare con calma luoghi che hanno dovuto tralasciare la prima volta.

THE-GLOBE-LONDRA
THE GLOBE

Poco più avanti troverete la Tate Modern, che ospita al suo interno un museo d'arte moderna internazionale.

MILLENNIUM-BRIDGE-TATE-MODERN
MILLENNIUM BRIDGE E TATE MODERN

Per passare sulla riva opposta del Tamigi è stato costruito in questo punto nel 2000  il Millennium Bridge, un'opera  dell'architetto Foster costruita interamente in acciaio inossidabile e lunga 325 metri. 

Vi troverete a questo punto all'interno della City, il quartiere finanziario di Londra. Anche qui potrete notare un forte contrasto tra edifici del passato, come la celebre cattedrale di S. Paul, accanto a costruzioni avveniristiche come la Swiss Re Tower,  il famoso grattacielo a forma di cetriolo o granata.

Vi consigliamo caldamente di visitare l'interno della Cattedrale di S. Paul a cui potrete accedere sempre pagando un solo biglietto se avete stipulato la convenzione 2x1. Questo edificio forse vi farà tornare  bambini, in quanto è sotto il porticato della cattedrale che la celebre vecchietta del film 'Mary Poppins' dava il cibo ai suoi amici piccioni.

SAINT-PAUL-CATHEDRAL-LONDRA
SAINT PAUL'S CATHEDRAL

La caratteristica dominante della cattedrale è sicuramente la sua cupola che, con i suoi 110 metri di altezza, risulta essere la più grande al mondo dopo quella di San Pietro a Roma. All'ingresso potrete ricevere le cuffie per poter scoprire la bellezza di questo edificio attraverso un tour multimediale che vi farà conoscere non solo la storia della costruzione della cattedrale, ma anche le vicende della  storia britannica che si è svolta al suo interno.

La salita alla cupola passa attraverso tre gallerie: la Galleria dei Bisbigli (poi scoprirete, durante la visita,  perchè si chiama così) a 30 metri dal piano della cattedrale, la Galleria di Pietra, a 53 metri dal piano della cattedrale e la Galleria d'Oro, a 85 metri dal piano della cattedrale. Si può accedere alle gallerie solo usando le scale, strette e ripide. In totale dovrete percorrere 528 gradini per raggiungere la sommità della cattedrale per cui, se avete problemi di deambulazione o di claustrofobia, non è consigliabile la salita.

Una volta raggiunta la sommità della cattedrale resterete sconvolti dalla vista che vi si presenterà davanti. Avrete davanti un grandioso panorama di tutta la città, passando attraverso i suoi famosi grattacieli, il London Eye fino ad arrivare al celebre Big Ben. Essere lì al tramonto è un'esperienza indimenticabile!

Se dalla cupola scendete fino ad arrivare cripta potrete avere l'onore di accostarvi alle tombe di alcuni personaggi storici inglesi come Wellington,Cristopher Wren e Nelson oltre ad alcuni memoriali come quello dedicato a Winston Churchill.


SKYLINE-LONDRA
SKYLINE
SKYLINE-LONDON
SKYLINE

Insieme alla National Gallery, questo è uno dei luoghi che, senza dubbio, più mi ha affascinato del nostro viaggio a Londra.

Dopo questa lunga giornata a spasso per la città per cena ci siamo avvicinati alla zona in cui avevamo l'albergo (Earl's court) e abbiamo cenato in un ristorante indiano Masala dove ci siamo trovati benissimo (consigliamo però di prenotare).

Quarto giorno

Questa mattina siamo partiti alla volta di Notting Hill e Portobello Road. Non c'erano mercatini, ma è stato comunque bello girovagare per i quartieri ammirando le belle abitazioni dei residenti.


PORTOBELLO-ROAD-LONDRA

PORTOBELLO-ROAD-LONDON

Da lì abbiamo preso la metropolitana per spostarci in una zona completamente diversa: Temple. (fermata metro omonima). Antico possedimento dei Templari dal 1185 al 1312, è un mondo a sè all'interno della città. Percorrendo antichi vialetti e attraversando giardini curati è come se si tornasse indietro nel tempo. E' qui che hanno sede da diversi secoli due scuole di diritto inglesi.


THE-TEMPLE-LONDRA

TEMPLE-LONDON

Da Temple abbiamo imboccato lo Strand, una delle vie dello shopping più rinomate di Londra. Non siamo particolarmente amanti dello shopping, ma una puntatina era doverosa da Twinings. Ho fatto scorta di tè e tisane sia per me che per famiglia e amici.

Da qui, passando accanto alla Royal Court of Justice e poi a Somerset House, abbiamo raggiunto Covent Garden. La piazza ha conservato il suo animo popolare con i suoi negozi, botteghe artigiane, ristoranti e caffè. Durante il periodo natalizio è un luogo molto affollato, ma va bene così.

 
ROYAL-COURT-OF-JUSTICE-LONDRA
ROYAL COURT OF JUSTICE

COVENT-GARDEN-LONDRA
COVENT GARDEN

 Abbiamo dedicato il pomeriggio alla visita del British Museum.

L'entrata è gratuita. Avevamo intenzione anche qui di noleggiare le audioguide (dopo la precedente esperienza positiva alla National Gallery), ma ormai, essendo entrati di pomeriggio, erano già finite. Vista la notevole mole di reperti (circa 6.000.000 di oggetti) e l'estensione del museo, fortunatamente sono stati creati dei percorsi brevi che permettono con facilità anche ai profani di ammirare i reperti più conosciuti. E' veramente un'emozione trovarsi di fronte a oggetti che si studiano sui libri di scuola fin da bambini. E' un vero viaggio nel tempo e servirebbe di sicuro almeno una settimana per poter visitare accuratamente tutto il museo.

BRITISH-MUSEUM-LONDRA
BRITISH MUSEUM

REPERTO-BRITISH-MUSEUM

BRITISH-MUSEUM-BABILONIA

BRITISH-MUSEUM-GRECIA

Usciti dal British, abbiamo avuto la pessima idea di imboccare Oxford Street. Non potete immaginare il fiume di gente... il traffico...praticamente per fare poche centinaia di metri ci abbiamo messo un'infinità di tempo. La nostra meta finale era Selfridges, ma, appena siamo entrati, con tutta quella gente e il caldo all'interno che faceva da contrasto al freddo della strada, abbiamo subito fatto dietrofront. Mio marito può essere contento che non sia una patita dello shopping sfrenato... e io di lui!!! Menomale!!!

Per cena siamo tornati sempre verso la zona del nostro albergo (nostro si fa per dire) e abbiamo scelto Nando's. Ottima scelta: buon cibo, molto gustoso, e atmosfera carina. Anche qui è consigliabile prenotare per poter trovare posto.

Quinto giorno

Avendo il volo nel pomeriggio, abbiamo potuto dedicare la mattina solo ad una breve passeggiata prima di recarci in aeroporto. Ci siamo diretti, allora, in metro verso Holland Park, considerato da molti come il più romantico parco londinese.
Purtroppo nella stagione invernale non dà il meglio di sè, ma abbiamo apprezzato ugualmente la coesione di giardini di stili diversi all'interno dello stesso parco (giapponese, olandese, roseto, giardino di iris ecc).


HOLLAND-PARK-LONDRA

HOLLAND-PARK-LONDON

SCOIATTOLO-HOLLAND-PARK

Eccoci giunti alla fine del nostro racconto. Come avrete potuto notare, nonostante il nostro viaggio sia avvenuto in altissima stagione, al di là del volo e dell'hotel non abbiamo speso granchè. Se per il pranzo vi accontentate e sfruttate per i musei che sono a pagamento (pochissimi) la convenzione 2x1, vi assicuriamo che potrete visitare Londra senza spendere un capitale.

E voi siete stati diverse volte a Londra? Cosa vi è piaciuto particolarmente di questa città? Raccontatecelo qua sotto nei commenti. Siamo curiosi!!








martedì 31 ottobre 2017

Cosa vedere a Londra in 5 giorni senza spendere un capitale - Prima parte -

E' possibile visitare una capitale come Londra in alta stagione senza spendere un capitale? Dalla nostra esperienza possiamo dire di ! Mio marito, per motivi lavorativi, non può prendere ferie se non nel periodo natalizio e ad agosto per cui, se vogliamo viaggiare, dobbiamo per forza scegliere quei periodi stando ben attenti a visitare il meglio di una città senza sforare il nostro budget.
TELEPHONE-BOX-LONDRA

Oggi perciò vi vogliamo raccontare il nostro viaggio a Londra avvenuto a fine dicembre 2015. 

Giorno 1

Siamo partiti da Roma Ciampino alla volta di Londra Stansted utilizzando la compagnia low cost Ryanair. Sempre da casa avevamo prenotato con Terravision il trasferimento andata/ritorno tra Stansted e Victoria Station. In tutta onestà poco prima di partire avevamo sentito parlare molto male di questo servizio di bus: molte persone a causa di vari disguidi avevano perso il volo... altre avevano dovuto aspettare il bus al freddo sotto la pioggia. Pensavamo di aver fatto già la prima scelta sbagliata e invece... è andato tutto benissimo. Appena fuori dall'aeroporto una navetta ci ha portato in pochi minuti in un'altra area  per prendere il bus e da lì, dopo circa un quarto d'ora, siamo partiti alla volta di Londra. L'autobus era molto pulito e, al di là del traffico in autostrada, abbiamo raggiunto la città in orario. Pericolo scampato!!!

Arrivati a Victoria Station abbiamo fatto una mossa astuta (non inventata da noi). Abbiamo acquistato una Travel Card settimanale alle casse della stazione ferroviaria. In questo modo, abbiamo potuto utilizzare senza limiti la metro nelle zone 1 e 2. Acquistando la Travel Card settimanale abbiamo potuto usufruire anche dell'offerta 2x1 nei musei convenzionati. Potete trovare maggiori informazioni in merito a questa offerta qui. Mi raccomando, seguite tutte le istruzioni indicate prima di affrontare il vostro  viaggio e al vostro arrivo altrimenti non potrete poi usufruire degli sconti.

Dopo aver pranzato velocemente da Burger King, ci siamo diretti con la metro verso il nostro hotel. Il City Continental Kensington Hotel non si può dire che sia proprio un hotel a buon mercato, ma la nostra opinione sulla struttura è molto positiva. Non solo la camera era molto pulita e la colazione buona, ma l'hotel si trova in una via molto tranquilla a pochi passi dalla stazione della metro Earl's Court. Secondo noi è importante valutare anche questo aspetto quando si sceglie un albergo; è giusto guardare il prezzo, ma tanto vale se poi bisogna spendere delle ore per i trasferimenti in centro oppure se la camera è sporca o poco insonorizzata dai rumori esterni. Poi naturalmente ognuno sceglie in base alle proprie esigenze e priorità.
CITY-CONTINENTAL-KENSINGTON-HOTEL-LONDRA
CITY CONTINENTAL KENSINGTON HOTEL

Dopo il check-in e un piccolo riposino abbiamo fatto una breve passeggiata nei dintorni per darci un'idea della zona. Per cena ci siamo fermati alla Earl's Court Tavern dove abbiamo potuto gustare una buona birra accompagnata da un secondo piatto gustoso.

Stanchi morti (ci eravamo alzati in piena notte per poter raggiungere l'aeroporto in tempo) siamo andati presto a dormire per ripartire alla grande il giorno dopo.

Giorno 2 

Sveglia alle 7 (perchè non si perde tempo in vacanza)!! Dopo colazione, abbiamo preso la metro per raggiungere il centro e siamo scesi alla fermata Westminster.

Dato che non eravamo mai stati prima a Londra, abbiamo trascorso la mattinata ad ammirare dall'esterno alcuni dei luoghi simbolo di Londra: il Parlamento, cuore della vita politica inglese...il Big Ben.... la London Eye, la ruota panoramica più grande d'Europa.

PARLAMENTO-BIG-BEN-LONDRA
PARLAMENTO E BIG BEN

THE-LONDON-EYE
THE LONDON EYE

Abbiamo proseguito la nostra passeggiata lungo il Whitehall per poter raggiungere Downing Street, residenza del Primo Ministro britannico, e vedere le Horse Guards, le sentinelle a cavallo.

THE-HOUSE-OF-GUARDS-LONDRA
THE HOUSE OF GUARDS

Per raggiungere Buckingam Palace, abbiamo attraversato Saint James's Park, meraviglioso nonostante la stagione. La cosa carina è che qui nei parchi londinesi ci sono moltissimi scoiattoli che non hanno paura dell'uomo e si avvicinano facendosi fotografare... da vere stars!!

SAINT-JAMES-PARK
ST JAMES'S PARK

SAINT-JAMES-PARK-LONDRA
ST JAMES'S PARK

SCOIATTOLO-LONDRA

Gli appartamenti di Buckingam Palace sono visitabili solo d'estate, ma il cambio della guardia (che in inverno si svolge a giorni alterni) attira i turisti tutto l'anno. Noi naturalmente abbiamo beccato il giorno sbagliato, ma sinceramente non eravamo granchè interessati alla parata.

BUCKINGAM-PALACE
BUCKINGAM PALACE

Percorrendo il Mall abbiamo poi raggiunto la famosa Trafalgar Square al cui centro quattro leoni circondano l'imponente colonna (1842) dedicata a Horatio Nelson. I bassorilievi del basamento sono fusi nel bronzo dei cannoni conquistati all'epoca dalle vittorie dell'ammiraglio sulla flotta francese.

TRAFALGAR-SQUARE
TRAFALGAR SQUARE

Proprio alle spalle di Trafalgar Square si trova la National Gallery, museo imperdibile per chi viene a Londra per la prima volta. L'entrata è gratuita, ma noi vi consigliamo di noleggiare le audioguide che permettono di seguire un percorso più breve ma che raccoglie in sè i principali capolavori del museo. Il percorso audio dura 2 ore ed è disponibile in varie lingue. A me è piaciuta moltissima la visita anche perchè, non essendo particolarmente ferrata in campo artistico, ho potuto apprezzare meglio i dipinti esposti e capirne anche alcune caratteristiche.

NATIONAL-GALLERY-LONDRA
NATIONAL GALLERY

Proprio a Trafalgar Square ci siamo fermati per una pausa pranzo veloce da Pret à Manger, i cui punti vendita si trovano in varie zone della città. I panini sono freschissimi, molto gustosi e non si spende molto. Consigliatissimo!!

Nel pomeriggio avevamo intenzione di visitare Madame Tussaud's, ma arrivati lì, abbiamo scoperto che la fila era chilometrica perciò abbiamo deciso di raggiungere Camden Town. Questo quartiere non può lasciare nessuno indifferente con le sue stravaganze e i suoi colori. Le facciate stravaganti delle case, il mercato delle pulci, la musica in sottofondo rendono questa zona una delle più originali di tutta Londra. Qui l'eccentricità è di rigore ed è questa la sua particolarità.

CAMDEN-TOWN-LONDRA
CAMDEN TOWN

CAMDEN-TOWN
CAMDEN TOWN

Verso sera ci siamo incontrati con alcuni nostri amici e abbiamo scelto per cena un pub vicino a Westminster, The Red Lion. Abbiamo provato alcuni piatti tipici e, tra l'altro, abbimo fatto la conoscenza di una cameriera italiana molto simpatica e alla mano che ci ha dato alcuni consigli utili.

Se volete scoprire altri angoli di Londra trovate tutto nella seconda parte del racconto.

Se desiderate essere sempre aggiornati sui nuovi post iscrivetevi lasciando il vostro indirizzo mail. Vi arriveranno semplicemente le notifiche dei nuovi post.


martedì 25 luglio 2017

Cosa vedere a Budapest in 4 giorni (2a parte)

Continuiamo con i nostri suggerimenti di cosa visitare a Budapest in 4 giorni. Nel post precedente abbiamo parlato dei ponti sul Danubio, della sinagoga più grande d'Europa e di Buda, la parte più antica di Budapest, posta in collina dove si trovano, tra le altre cose, il Palazzo Reale e il Bastione dei Pescatori. Ma ora continuaimo il nostro viaggio...

3 giorno

Dopo aver fatto colazione, siamo subito partiti alla volta del Parlamento ungherese, vero simbolo della città e onnipresente in tutte le immagini di Budapest.
Vi consigliamo di acquistare i biglietti on line oppure di presentarvi in biglietteria presto così da evitare inutili code. Ad orari prestabiliti è possibile effettuare la visita guidata in varie lingue, tra cui l'italiano.

PARLAMENTO-BUDAPEST
IL PARLAMENTO

Con la sua cupola immensa, alta 96 metri, è il monumento per eccellenza della capitale ungherese. Ispirato alle Houses of Parliament di Westminster, è il simbolo dell'indipendenza ungherese. L'esterno è splendido così arricchito da elementi gotici, rinascimentali e barocchi. All'interno potrete ammirare incantati le sale dei Congressi e dei Deputati e varie stanze dorate e affrescate dove, ben custoditi, vengono conservate la corona e lo scettro reali.

INTERNO-PARLAMENTO-BUDAPEST

CAMERA-PARLAMENTO-BUDAPEST

SCALONE-PARLAMENTO-BUDAPEST


Nel pomeriggio abbiamo deciso di spostarci, utilizzando il Ponte Elisabetta, verso la riva opposta del Danubio verso la collina Gellert sulla cui cima spicca la statua colossale di San Gerardo, patrono di Budapest. La statua è stata edificata proprio in questo luogo in quanto i ribelli pagani uccisero il vescovo gettandolo  dall'alto di questa collina che ne ha preso il nome: Gellerthegy.

COLLINA-GELLERT-BUDAPEST
COLLINA GELLERT

Percorrendo i sentieri della collina si arriva poi ad un'altra statua gigantesca che rappresenta, dall'alto dei suoi 14 metri, la Libertà. Rivolta verso ovest brandisce una fronda di palma tra due allegorie, Il Progresso e La lotta contro il male.

STATUA-LIBERTA'-BUDAPEST
LA LIBERTA'

Dall'alto della collina il panorama è mozzafiato: in un solo colpo d'occhio potrete ammirare tutta la città e il maestoso Danubio solcato dai suoi bellissimi ponti.

DANUBIO-BUDAPEST


Scendendo verso sud arriverete al famoso stabilimento termale Gellert in puro stile Secessione. Vedrete elevarsi nuvole di vapore dalle splendide piscine all'aperto decorate con mosaici sfavillanti.

TERME-GELLERT-BUDAPEST
ENTRATA TERME GELLERT

Può esservi utile sapere che, a poche centinaia di metri, c'è Allee, un centro commerciale all'ultimo grido... a noi è stato utile per ritemprarci un po' dopo il freddo patito tutto il giorno (quella mattina -19°!!!)

 4 giorno 

Il nostro ultimo giorno a Budapest abbiamo preso la metropolitana (linea gialla) scendendo alla fermata Hosok Tere.

Ci siamo trovati davanti ad una piazza maestosa, Piazza degli Eroi , progettata per festeggiare il Millenario della nazione ungherese nel 1896. Al centro un obelisco dove l'angelo Gabriele troneggia sui cavalieri  delle sette tribù magiare.

PIAZZA-DEGLI-EROI-BUDAPEST
Piazza degli Eroi


OBELISCO-PIAZZA-DEGLI-EROI-BUDAPEST
Particolare dell'obelisco

Ai lati della piazza il Museo di Belle Arti, che ospita bellissime collezioni d'arte, e il Palazzo delle Arti, sede di mostre temporanee di arte contemporanaea.
Alle spalle di Piazza degli Eroi si estende Varosliget, un parco vastissimo che al suo interno comprende un lago, che d'inverno ghiacciato si trasforma in pista da pattinaggio, uno zoo e un parco dei divertimenti del XIX secolo.

PISTA-PATTINAGGIO-BUDAPEST
Pista da pattinaggio

E' una zona bellissima di Budapest dove tutti, in ogni stagione, possono trascorrere del tempo divertendosi e rilassandosi in mezzo alla natura.
Molto particolare è il Vajdahunyad vara.  Per il Millenario vennero creati dei padiglioni temporanei per celebrare 1000 anni di architettura ungherese. Il risultato fu talmente bello che si decise di ricostruire in muratura tutto quanto. Il palazzo unisce elementi romanici, rinascimentali, gotici di Transilvania e barocchi.

VAJDAHUNYAD-VARA-BUDAPEST

VAJDAHUNYAD-VARA

Noi abbiamo deciso di dedicare più di mezza giornata alla visita dello Zoo che è semplicemente stupendo con le sue costruzioni in stile Secessione. Lo zoo fu realizzato nel 1866 e poi rimodernato nel 1911. Il parco ospita animali provenienti da tutto il mondo, ma ciò che lo rende speciale è proprio l'atmosfera elegante d'altri tempi che si respira al suo interno. 

ZOO-BUDAPEST
Entrata zoo

Accanto allo zoo  si trova il parco dei divertimenti Vidampark, anch'esso costruito a fine '800, che è stato dichiarato Patrimonio Nazionale. Al suo interno una giostra dorata del 1902 e montagne russe in legno del 1922. Purtroppo, però, in inverno non è possibile visitarlo per ovvie ragioni climatiche . Anche in questo caso non dovete aspettarvi un classico parco dei divertimenti, ma un gioiello del passato che vi farà tornare indietro nel tempo.

Per essere sinceri, il primo giorno a Budapest eravamo rimasti un po' delusi dalla città forse perchè erroneamente continuavamo a paragonarla a Praga, forse più scintillante e 'occidentalizzata'. Col passare dei giorni, però, abbiamo saputo apprezzare la bellezza di questa 'signora elegante e d'altri tempi'. Ci sono delle immagini, come la vista del Parlamento da Buda o il Bastione dei Pescatori sotto la neve, che ci rimarrranno sempre nel cuore e speriamo un giorno di poterci tornare!! E voi ci siete stati? Cosa vi è piaciuto di più di Budapest?


I NOSTRI SUGGERIMENTI...

DOVE MANGIARE A BUDAPEST

Ristorante La Coppola 
                                         
Ristorante Ruben