martedì 13 febbraio 2018

Cosa vedere a Pistoia in un giorno

Come vi avevamo spiegato nel post dedicato a 'come organizzare un weekend fuori porta', a noi piace molto visitare le province italiane dedicando un giorno intero al capoluogo e i restanti giorni a scoprire i dintorni. A fine dicembre abbiamo perciò deciso di dedicare qualche giorno a Pistoia, Capitale della Cultura 2017. Era da tempo che volevamo visitarla e alla fine ce l'abbiamo fatta. Ecco cosa vedere a Pistoia in un giorno.
PISTOIA-DI-NOTTE
PISTOIA DI NOTTE

COSA VEDERE A PISTOIA IN UN GIORNO: LA FORTEZZA DI SANTA BARBARA  

Lungo le mura cittadine il monumento che attira di più l'attenzione del visitatore è sicuramente la Fortezza di Santa Barbara. La sua forma decisa, imponente,  riporta alla mente immagini fantasiose di battaglie sanguinose e soldati armati di tutto punto, ma, in realtà, la Fortezza dovette subire un solo assedio nel 1643 quando le truppe dei Barberini attaccarono la città e furono sconfitte.

FORTEZZA-SANTA-BARBARA-PISTOIA
INGRESSO FORTEZZA SANTA BARBARA

CORTILE-INTERNO-FORTEZZA-SANTA-BARBARA-PISTOIA
CORTILE INTERNO

CAMMINAMENTI-FORTEZZA-SANTA-BARBARA-PISTOIA


FORTEZZA-SANTA-BARBARA-PISTOIA
 

La Fortezza nasce come fortilizio medievale nel 1331 e di questo periodo rimangono testimoni il mastio e alcune parti della torri. Nel ' 500 Cosimo I de' Medici decise di costruire sui resti dell'antico fortilizio una fortezza massiccia, possente.  Perfettamente conservatasi nel tempo, la Fortezza venne adattata nel corso del tempo per svolgere le funzioni di caserma e di carcere militare.

La cosa bella per un visitatore è il fatto di poterla scoprire in piena libertà passando dalle torri e dai camminamenti superiori (da cui tra l'altro si gode di una magnifica vista sulla città) ai sotterranei voltati a botte. È tutto un saliscendi tra scalette, porte e torrette... Se avete bambini si divertiranno ad impersonare arditi soldati o dame impaurite.

SCALE-FORTEZZA-SANTA-BARBARA-PISTOIA

SOTTERRANEI-FORTEZZA-SANTA-BARBARA-PISTOIA

Tutto attorno alla Fortezza c'è un bellissimo parco dove ci si può rilassare, praticare sport o fare pranzo al sacco. Vi sembrerà di essere in un mondo a parte, dove il caos e il traffico della città  sono ormai molto lontani.
ESTERNO-FORTEZZA-SANTA-BARBARA-PISTOIA

L'INGRESSO alla Fortezza è GRATUITO.

ORARI           Martedì-Domenica 8.15-13.30       Chiuso il lunedì


          COSA VEDERE A PISTOIA IN UN GIORNO: PIAZZA DEL DUOMO

Il cuore, e forse il luogo più conosciuto di Pistoia, è sicuramente Piazza del Duomo su cui si affacciano i principali monumenti religiosi e civili della città:
MODELLINO-PIAZZA-DEL-DUOMO-PISTOIA
MODELLO PIAZZA DEL DUOMO

  • La Cattedrale di San Zeno, all'interno della quale si trovano il prezioso altare d'argento e il reliquiario di San Jacopo;
CATTEDRALE-DI-SAN-ZENO-PISTOIA
CATTEDRALE DI SAN ZENO

  • Il Battistero, a forma ottagonale e dal particolare rivestimento marmoreo bianco e verde; 
BATTISTERO-PISTOIA
BATTISTERO

  • La Torre Campanaria che, con i suoi 69 metri di altezza, è l'edificio più alto di Pistoia;
TORRE-CAMPANARIA-PISTOIA
TORRE CAMPANARIA

  • Il Palazzo del Comune che ospita al suo interno il Museo Civico, il principale museo della città; 
PALAZZO-DEL-COMUNE PISTOIA
PALAZZO DEL COMUNE

  • L'antico Palazzo dei Vescovi, sede di un percorso museale e di una sala conferenze;
PALAZZO-DEI-VESCOVI-PISTOIA
PALAZZO DEI VESCOVI E CATTEDRALE

  • Il Palazzo del Podestà o Pretorio, antica sede giudiziaria della città.
PALAZZO-PRETORIO-PISTOIA
PALAZZO DEL PODESTA' O PRETORIO

Ogni anno, il 25 luglio, giorno del Patrono della città, è qui che si svolge la celebre Giostra dell'Orso che prende origine dall'antico palio dei berberi. In questa occasione si sfidano in una gara equestre i 4 rioni cittadini in cui è divisa la città di Pistoia: il Cervo Bianco, il Drago, il Grifone e il Leon d'oro.


COSA VEDERE A PISTOIA IN UN GIORNO: PIAZZA DELLA SALA

Se Piazza del Duomo rappresenta da secoli il cuore politico e religioso di Pistoia, è in Piazza della Sala che se ne scopre il cuore mercantile.
PIAZZA-DELLA-SALA-PISTOIA
PIAZZA DELLA SALA

Già in epoca longobarda e poi in età rinascimentale la piazza fu sede del mercato e dei principali scambi commerciali della città. Ancora oggi ogni giorno qui si tiene il mercato ortofrutticolo ed è qui che si affacciano molte delle più antiche osterie della città.

ANTICA-LOCANDA-PISTOIA
ANTICA LOCANDA

Al centro della piazza potrete ammirare il Pozzo del Leoncino dove un leoncino in pietra arenaria appoggia la zampa sullo stemma della città. Tutto ciò serviva ad indicare il dominio di Firenze sulla città di Pistoia.
POZZO-DEL-LEONCINO-PISTOIA
POZZO DEL LEONCINO

Questa piccola piazza ancora oggi ha un sapore medievale. Le botteghe di prodotti tipici, i banchi di frutta e verdura, i profumi che provengono dalle cucine delle osterie fanno tornare il visitatore indietro nel tempo. Fate un giro nelle viuzze laterali e leggete i nomi delle vie che rievocano le attività che venivano svolte in questa zona della città: Via del Lastrone (dove si vendeva il pesce), Via degli Orafi, Via dei Fabbri, Via del Cacio e molte altre ancora.


COSA VEDERE A PISTOIA IN UN GIORNO: OSPEDALE DEL CEPPO

L'Ospedale del Ceppo trae il suo nome da un'antica leggenda. Si dice che la Madonna apparve in sogno ad una coppia di pistoiesi dicendo loro che si sarebbe dovuto edificare l'ospedale  nel luogo dove avessero trovato in pieno inverno un ceppo fiorito ed è qui che la leggenda dice che il ceppo fu trovato.
OSPEDALE-DEL-CEPPO-PISTOIA
OSPEDALE DEL CEPPO

L'ospedale venne fondato nel 1277 e nel 2013, quando venne chiuso, risultava essere l'unico ospedale europeo attivo fin dalla sua fondazione!

Una delle prime cose che attira il visitatore  è il fregio del loggiato, interamente realizzato in terracotta invetriata da due fabbriche del tempo: i Della Robbia e e i Buglioni. Il fregio, realizzato da Santi Buglioni, illustra le 7 opere di misericordia: vestire gli ignudi, alloggiare i pellegrini, visitare gli infermi, visitare i carcerati, seppellire i morti, dar da mangiare agli affamati e dar da bere agli assetati.  I tondi, invece, vennero realizzati da Giovanni della Robbia.

PARTICOLARE-FREGIO-OSPEDALE-DEL-CEPPO
PARTICOLARE DEL FREGIO

L'ospedale fu sede dal '500 in poi di una celebre Scuola di Medicina e, se deciderete di visitare i sotterranei di Pistoia, potrete scoprirne la Sala Anatomica nella prima parte del percorso. In questa sala, che risulta essere la più antica sala anatomica al mondo,  avvenivano le dissezioni dei cadaveri ( a quel tempo solo uomini) e gli studenti potevano sedere nei banchi tutto attorno al tavolo di marmo e assistere alla lezione.

TAVOLO-SALA-ANATOMICA-OSPEDALE-DEL-CEPPO
TAVOLO ANATOMICO

SALA-ANATOMICA-OSPEDALE-DEL-CEPPO
SALA ANATOMICA

SOFFITTO-SALA-ANATOMICA-OSPEDALE-DEL-CEPPO
AFFRESCHI SALA ANATOMICA

Tra l'altro sembra che proprio qui a Pistoia siano nati i bisturi, i coltelli usati dai chirurghi che anticamente venivano  chiamati pistorienses (cioè pistoiesi). Pistoia è sempre stata importante nell'ambito della lavorazione dei metalli e anche questo episodio lo dimostra.


COSA VEDERE A PISTOIA IN UN GIORNO: PISTOIA SOTTERRANEA

Proprio partendo dall' Ospedale del Ceppo è possibile visitare un luogo molto particolare della città: Pistoia Sotterranea. L'Ospedale, infatti,  ha la peculiarità, unica in Italia, di essere stato costruito su di un fiume. Vennero usate come fondamenta le volte attraverso cui scorreva un tempo il fiume Brana.
PISTOIA-SOTTERRANEA
PISTOIA SOTTERRANEA


Il percorso, attualmente, è lungo circa 800 metri, ma il progetto finale è quello di continuare con gli scavi fino ad arrivare alla Fortezza di Santa Barbara. A lavori conclusi dovrebbe diventare il percorso ipogeo più lungo d'Italia.

I-SOTTERRANEI-DI-PISTOIA
PISTOIA SOTTERRANEA

La visita guidata dei sotterranei dura circa un'ora e permette di scoprire molto della vità che si svolgeva a Pistoia sia in epoca medievale che in età rinascimentale. Percorrendo i  vari ambienti. per esempio, scoprirete un'antica macina e i lavatoi di San Lorenzo, dove per lavare i panni veniva utilizzata la stessa acqua degli scarichi dell'ospedale.

PERCORSO-PISTOIA-SOTTERRANEA

MULINO-PISTOIA-SOTTERRANEA
RUOTA MULINO

Le guide vi racconteranno chi veniva ospitato in questo ospedale e come veniva assistito... vi parleranno di pellegrini e di impiccagioni... ma non vi vogliamo svelare altro per non rovinarvi la visita. Sappiate, però, che ne vale veramente la pena!


ORARI MUSEO PISTOIA SOTTERRANEA


Aperto tutti i giorni               Ottobre-Marzo       10.00-18.00
                                                Aprile-Settembre    10.00-19.00

Biglietto intero 9 euro (sono previsti vari tipi di riduzioni)

Nel biglietto è compresa l'accompagnamento di una guida.
L'accesso ai sotterranei è accessibile completamente alle persone con disabilità.

Quando abbiamo visitato noi Pistoia era in vigore una bella iniziativa: la visita di un museo permette di avere l'ingresso scontato al secondo museo che si decide di visitare e così via per il successivo. Per fare un esempio, il primo museo che abbiamo visitato è stato il Museo Smi/Rifugi antiaerei più estesi d'Europa; l'acquisto di questi biglietti ci ha permesso di entrare con lo sconto al Museo dell'Ospedale del Ceppo/Pistoia Sotterranea e successivamente allo Zoo di Pistoia. Basta conservare con cura i biglietti per poterli esibire in biglietteria.


COSA VEDERE A PISTOIA IN UN GIORNO: LA LAVORAZIONE DEI CONFETTI

Prima di lasciare Pistoia, non mancate di fare tappa nella più antica confetteria della città, fondata dalla famiglia Corsini nel 1918.

CONFETTI-CORSINI-PISTOIA
CONFETTERIA CORSINI
I discendenti della famiglia Corsini ancora oggi producono i famosi confetti in maniera artigianale, infatti, entrando nel loro negozio in Piazza San Francesco D'Assisi, potrete vedere gli antichi macchinari tuttora in uso.

MACCHINARI-CONFETTI-CORSINI-PISTOIA
MACCHINARI ORIGINALI DITTA CORSINI

I confetti tipici  di Pistoia, a differenza di quelli di Sulmona, sono chiamati 'birignoccoluti' perchè non hanno la consueta forma liscia, ma una leggera increspatura tutto attorno. Nascono in origine con funzione medicinale in quanto venivano realizzati in farmacia e contenevano al loro interno o il seme di coriandolo o di finocchietto selvatico. Oggi i Corsini producono circa un centinaia di tipi diversi di confetti, oltre a cioccolatini di ogni forma e sapore e il loro tipico panforte. Non c'è che l'imbarazzo della scelta!

NEGOZIO-CONFETTI-CORSINI
INTERNO NEGOZIO CORSINI

UN CONSIGLIO: provate i confetti 'avvelenati' e fatevi raccontare la storia che c'è dietro a questo nome!


Vi è piaciuto questo giro della città? Se vi trovate a Pistoia vi suggeriamo di visitare anche:
Fateci sapere nei commenti se siete già stati a Pistoia e se avete altri suggerimenti scriveteli pure qua sotto.







14 commenti:

  1. Non sono mai stata a Pistoia e me ne vergogno, ho studiato le sue chiese storiche durante l'università na non le ho mai viste dal vivo, devo recuperare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu possa presto visitarla perché merita! Grazie di essere passata! ; )

      Elimina
  2. Lo ammetto: anche io ho "saltato"! Pistoia preferendo altre città Toscane..devo recuperare, vedo che è una città interessante e con molte attrattive.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non sono da meno! È stata Capitale della Cultura x un anno e l'abbiamo visitata a fine dicembre!!! Tanto non si sposta! : D A parte gli scherzi ti ringrazio del commento e spero che tu possa presto visitarla. ; )

      Elimina
  3. Che bella Pistoia!! è stata la prima "domenica fuori porta" che abbiamo trascorso io e Stefano!!
    Dovremmo tornarci: scoprire la lavorazione dei confetti mi piacerebbe moltissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bei ricordi allora! Tra qualche settimana uscirà un post dedicato tutto ai confetti ricci di Pistoia! ; )

      Elimina
  4. Bel consiglio, me lo sono appuntato perché Pistoia è proprio l’unica città toscana che mi manca. Mi piacerebbe andarci questa primavera magari sfruttando il ponte del primo maggio. Ho due bimbi di tre e cinque anni: ci consigli di cercare una sistemazione in città o magari è meglio fuori? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti racconto cosa abbiamo fatto noi. Siamo stati in un agriturismo sulle colline del Montalbano. È una zona a pochi km da Pistoia, ma in posizione comoda x visitare i borghi medievali e le ville medicee che si trovano in zona. Scriverò presto un post in merito. Se vuoi maggiori informazioni contattami pure e grazie x il tuo commento. ; )

      Elimina
  5. Ammetto che non ci sono mai stata, eppure dovrebbe essere raggiungibile da Bologna con la ferrovia Porrettana!

    RispondiElimina
  6. Sarò di parte ma Pistoia è davvero bella ed è indicata per gite fuori porta tranquille, lontano dal caos di altre città più conosciute come Firenze, Lucca, Siena... Mi mancano i sotterranei ma sono già segnati nella prossima lista di cose da fare quando scenderò a trovare i parenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo con te: è una città a misura d'uomo e anche i dintorni sono favolosi... Ne parlerò presto nel blog. Grazie mille x il tuo commento!!

      Elimina
  7. Ma dai: non sapevo della Scuola di Medicina, devo assolutamente andarla a vedere, così come i sotterranei!

    Mi stai dando un po'di idee per i miei prossimi viaggi in Toscana: non ho mai considerato Pistoia ma deve essere molto carina da vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo bellissimo commento. Sì noi a fine dicembre siamo stati in quelle zone 5 giorni, ma abbiamo visto veramente tanti bei posti!! Se ti va di leggerlo, domani pubblicheró un post più dettagliato tutto dedicato all'Ospedale del ceppo e a Pistoia Sotterranea. ; )

      Elimina