lunedì 9 ottobre 2017

5 cose da fare ad Acquasanta Terme

Acquasanta Terme è un bellissimo borgo marchigiano a pochi km di distanza da Ascoli Piceno. Molti lo conoscono perchè si trova lungo la Salaria e perchè, per chi si mette in viaggio verso Roma, spesso funge da tappa intermedia.
PANORAMA-ACQUASANTA-TERME
PANORAMA SU ACQUASANTA TERME

Ad Acquasanta Terme sono legati molti ricordi d'infanzia di mio marito. Quando era piccolo, infatti, con la sua famiglia spesso trascorreva alcuni giorni di vacanza in questi luoghi e, mentre i grandi si sottoponevano alle cure termali, lui con i suoi amichetti 'esplorava il paese'. Spesso quindi ci torniamo insieme anche solo per percorrerne le viuzze e rivedere alcuni volti noti.

Vediamo insieme 5 cose che si possono fare qui ad Acquasanta Terme.

 #1 RISTORARSI ALLE TERME

Come dice il nome, Acquasanta Terme possiede sorgenti sulfuree attorno alle quali sono sorti nel tempo stabilimenti termali con piscine alimentate da sorgenti naturali di acqua calda. Sembra che le terme di Acquasanta fossero già famose in epoca romana tanto che si dice che diversi personaggi storici, tra cui Carlo Magno, abbiano beneficiato qui delle cure termali. Spesso i soldati che percorrevano la Via del Sale (Salaria) dall'Adriatico a Roma si fermavano qui per ritemprarsi dalle fatiche della vita militare.
SORGENTE-SULFUREA-ACQUASANTA-TERME
SORGENTE SULFUREA
PISCINA-NATURALE-ACQUASANTA-TERME
PISCINA NATURALE

Già nel 1851 vi era uno stabilimento termale vero e proprio con locali da bagno, piscine e sale apposite per respirare i vapori delle acque sulfuree.
ANTICHI-STABILIMENTI-TERMALI-ACQUASANTA-TERME
ANTICHI STABILIMENTI TERMALI

Oggi molti decidono di soggiornare qui ad Acquasanta per un periodo più o meno lungo per sottoporsi alle cure termali che oggi vengono somministrate in moderne strutture dotate di piscine, centro estetico, centro benessere e molto altro ancora. Se siete interessati ad una vacanza a tutto relax trovate tutte le informazioni qui.

#2 GUSTARE LE SPECIALITA' GASTRONOMICHE LOCALI

Stretta tra i Monti della Laga e i Monti Sibillini, Acquasanta Terme vanta nella sua cucina alcuni prodotti tipici provenienti dai boschi della zona tra cui funghi, tartufi, castagne. In questa zona sono famosi i fritti come le celebri olive ascolane. Non dimentichiamo poi che siamo anche al confine con il Lazio e quindi potrete gustare piatti rinomati come gli spaghetti all'amatriciana o alla gricia. Insomma, non c'è che l'imbarazzo della scelta.

Noi, l'ultima volta che siamo stati ad Acquasanta, abbiamo avuto il piacere di cenare in un ristorantino all'interno del centro storico, La cantina di Nenè (Piazza XX Settembre Acquasanta Terme 0736 801011) Ci siamo trovati veramente bene. Avevamo prenotato un tavolo all'interno di una grotta e anche questo particolare ha reso la cenetta molto  romantica. Il personale, formato a quanto abbiamo visto da sole donne, è molto gentile e allegro. Abbiamo voluto provare due antipasti (bruschette miste e un cestino di fritti tipici) e due primi (mezze maniche alla norcina e spaghetti all'amatriciana). Non solo le portate sono molto abbondanti (io non sono riuscita a finire il primo) ma molto gustose. E per finire, e non da sottovalutare, i prezzi sono veramente onesti. Sicuramente ci ritorneremo magari anche per provare le loro pizze! Vi consigliamo di prenotare perchè il locale è piccolino ed è sempre pieno.

#3 VISITARE UN ANTICO FORNO

FORNO-CELANI-ACQUASANTA-TERME

Il Forno Celani è stato aperto nel 1954 da Giuseppe Celani che, già proprietario di un mulino ad acqua, decise di aprire questa panetteria con i figli. Da tre generazioni la famiglia Celani continua a sfornare delle vere prelibatezze frutto di antiche ricette della tradizione locale. 
Roberto, quando era in vacanza, veniva qui con la mamma a comprare il pane e i dolcetti e ancora oggi è la stessa signora a servire la clientela.
Se passate di qui dovete per forza provare i loro spumini alle mandorle e al cioccolato. Sono meravigliosi! Noi quando passiamo di qui ne facciamo sempre scorta per noi e per mio papà che ne è ghiotto.

#4 FARE UN SALTO NELLA STORIA

Purtroppo la storia ha lasciato cicatrici indelebili in questi posti. Tra Pozza e Umito, due frazioni del comune di Acquasanta Terme,  l'11 marzo del 1944 si consumò una strage di partigiani e civili da parte delle truppe nazifasciste. Gli abitanti furono depredati dei loro beni, le loro case incendiate e decine di persone, tra cui una bambina di 11 mesi, morirono nella rappresaglia. Oggi il Cimitero Partigiano Internazionale di Umito conserva i resti di alcune di queste vittime. Visitarlo può essere un'occasione per riflettere ancora una volta sugli orrori del passato, sperando che non si ripetano di nuovo.

 #5 PERCORRERE UN SENTIERO IN MEZZO ALLA NATURA

CASCATA-DELLE-PRATA
CASCATA DELLE PRATA
CASCATA-DELLA-VOLPARA
CASCATA DELLA VOLPARA

Partendo da Umito, una piccola frazione che si incontra prima di arrivare ad Acquasanta, è possibile percorrere un bellissimo sentiero che scorre attraverso meravigliose faggete e splendidi castagneti. In circa due ore e mezza è possibile raggiungere le Cascate delle Prata e le Cascate della Volpara. Qui trovate il post con tutti i particolare di questa escursione.

Se rimanete in zona, vi consigliamo di dedicare un pochino di tempo alla visita di Castel Trosino, un piccolo borgo medievale a pochi km da Acquasanta Terme.



PER MAGGIORI INFORMAZIONI:

Portale del Turismo-Regione Marche

Blog Ufficiale sul Turismo della Regione Marche

2 commenti:

  1. Molto carino! Anche io avevo dedicato un articolo alle cascate di Forcella e a questa zona che sicuramente merita una visita.
    Luoghi che ti riportano indietro nel tempo, molto suggestivi e ricchi di cose da scoprire

    RispondiElimina
  2. Grazie mille per il tuo commento. Sono veramente posti suggestivi! 💚

    RispondiElimina